1 Marzo 2024

Isis, badante marocchina si addestrava sul web. Espulsa

Correlati

Perugia, badante marocchina si addestrava sul web. Espulsa Una donna ritenuta vicino a Daesh è stata espulsa dal territorio nazionale. Ieri era stato il ministro dell’Interno Alfano ad annunciare l’ espulsione della donna marocchina, che faceva la colf, ma studiava al tempo stesso sul web le strategie dell’Isis.

La donna, di 44 anni, è considerata un “lupo solitario”. E’ stata bloccata dalla polizia di Perugia. Da anni residente nel capoluogo umbro, è stata rimpatriata in esecuzione di un decreto del ministro dell’Interno, Angelino Alfano.

L’indagine è stata condotta dalla Digos, la quale non esclude che la donna avrebbe potuto un domani passare ai fatti, anche se la sua radicalizzazione era cominciata da poco. Apparentemente irreprensibile, la colf, in realtà – sempre secondo l’indagine -, si stava auto-indottrinando su internet.

Secondo quanto accertato, la donna leggeva testi e guardava video su come costruire ordigni rudimentali e filmati con violenze nei confronti di “miscredenti”, alcuni dei quali definiti molto violenti perché coinvolgono bambini.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Da Israele nuovo massacro a Gaza. Uccisi oltre cento palestinesi in coda per il cibo

Nuova carneficina dell'esercito israeliano nella Striscia di Gaza. Oltre cento palestinesi sono stati uccisi mentre erano in fila per...

DALLA CALABRIA

Traffico di rifiuti speciali tra Italia e Tunisia, numerosi arresti

Dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, personale della Direzione investigativa antimafia e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)