24 Febbraio 2024

Pestato dopo aver chiesto di non fumare, arrestato terzo aggressore

Correlati

Pestato dopo aver chiesto di non fumare, arrestato terzo aggressoreChiese la gentilezza di non fumare in metro in quanto la legge lo vieta. Ma era stato pestato a sangue. Il fatto era successo a Roma lo scorso 18 settembre, nella metropolitana di Piazza Bologna.

La Polizia aveva già individuato due dei tre aggressori assicurandoli alla giustizia. Dopo serrate indagini è stato arrestato il terzo uomo. Si tratta di Gennaro Riccitiello, fratello 22enne di Luigi, già finito in carcere insieme con Antonino Seneca per tentato omicidio.

Ad essere preso di mira dai tre, tutti di Caserta, era stato Maurizio Di Francescoantonio. Anche la madre di quest’ultimo riportò lievi ferite.

Gennaro Riccitiello, è stato prelevato nella sua abitazione dagli uomini del commissariato Viminale che lo ha condotto nel carcere di Poggio Reale. Il ragazzo è stato identificato grazie ai filmati del sistema a circuito chiuso della stazione della metro romana dove avvenne il brutale pestaggio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Terrorismo, perquisizioni in Italia nella rete dell’attentatore di Bruxelles

Le abitazioni di diciotto immigrati nordafricani sono state perquisite dal Ros dei carabinieri e da agenti della Digos di...

DALLA CALABRIA

Sequestrati beni per 2,5 milioni a imputati processo antimafia

Beni per un valore di oltre 2,5 milioni di euro sono stati sequestrati dai finanzieri del Comando provinciale di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)