4 Marzo 2024

Rapina una banca e poi regala il bottino alla figlia che si sposa

Correlati

Rapina banca e poi regala il bottino alla figlia che si sposa
Da sinistra in alto in senso orario: Vincenzo Cinquegranelli, Antonio Zito, Enrico Carrara, Massimiliano Amato, Ciro Guadagnuolo e Pasquale Troise.

Avrebbe voluto fare bella figura alle nozze della figlia, regalandole l’intero bottino di una rapina, 150mila euro. Ma è stato scoperto e fermato dai carabinieri della Compagnia Torino Mirafiori.

Insieme al padre della sposa, che avrebbe organizzato tutto, sono finiti in manette altre cinque persone. I militari hanno infatti notificato un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Torino nei confronti di 6 persone ritenute responsabili di rapina aggravata in banca.

Si tratta di Vincenzo Cinquegranelli, 55 anni, domiciliato a Beinasco (To), padre della sposa, ritenuto il reclutatore e l’organizzatore; Antonio Zito, 45 anni, domiciliato a None, ritenuto l’autista. Poi c’erano i trasfertisti napoletani parenti della donna che si è sposata: Enrico Carrara, 28 anni, cugino della sposa; Massimiliano Amato, 44 anni, zio della sposa; Ciro Guadagnuolo, 37 anni, zio della sposa e Pasquale Troise.
34 anni

I FATTI – Lo scorso 26 agosto la banda entra in banca e avrebbe minacciato la direttrice e i clienti con un coltello.  Dopo averli sequestrati e rinchiusi in una stanza, i banditi hanno portato via 150mila euro in contanti.

Un testimone, che passava davanti alla Banca, ha visto la fuga dei rapinatori e ha fornito agli investigatori alcuni dettagli importanti. Dopo una scrupolosa analisi degli elementi investigativi raccolti, i militari sono riusciti a identificare tutti i componenti del commando.

VIDEO DELLA RAPINA IN BANCA A TORINO

Dalle indagini è emerso che si tratta di una gang di rapinatori in trasferta. Un colpo organizzato nei minimi dettagli da un gruppo composto da napoletani in trasferta e da soggetti di origine napoletana residenti in provincia di Torino.

Il blitz prima delle nozze
Gli arresti sono avvenuti a Torino, quando i presunti rapinatori residenti in provincia di Napoli sono arrivati in città per partecipare al matrimonio della figlia del loro “collega di lavoro”. Arrestato il padre della sposa (ritenuto l’ideatore e il reclutatore della rapina) che ha regalato in dote il bottino alla figlia.

L’operazione dei carabinieri è scattata cinque ore prima del rito nuziale. Sempre secondo le indagini la banda avrebbe già pianificata un’altra rapina subito dopo la festa di nozze. Il gruppo è sospettato di aver messo a segno altre rapine. Fondamentali per risalire ai soggetti, sono state le telecamere di videosorveglianza.

Le indagini sono state dirette e coordinate dal sostituto procuratore, Andrea Padalino, del gruppo “Criminalità organizzata – Sicurezza urbana”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Nuova strage israeliana a Gaza, fuoco sui civili in fila per il pane: decine di vittime

"Le forze di occupazione israeliane hanno commesso un nuovo massacro contro cittadini palestinesi alla rotonda del Kuwait a Gaza...

DALLA CALABRIA

Serie B, grande attesa per il derby Cosenza-Catanzaro

Grande attesa per il derby calcistico tra Cosenza e Catanzaro, in programma oggi alle 16.15 allo stadio "San Vito-Gigi...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)