3 Marzo 2024

Omicidio Davide Di Maria, si costituisce anche Vincenzo Morso

Correlati

Omicidio Davide Di Maria, si costituisce anche Vincenzo Morso
Vincenzo Morso tra gli agenti (foto da repubblica.it/leoni)

“Arrestatemi, non ce la facevo più a nascondermi”. E’ quanto ha detto Vincenzo Morso, 60 anni, quando si è costituito questa mattina presso il commissariato di Chiavari dopo due settimane di latitanza dall’omicidio di Davide Di Maria, ucciso nella propria abitazione a Genova.

L’uomo, ritenuto il referente della mafia di Gela, ha ammesso agli uomini della squadra mobile di essere arrivato nell’appartamento di Genova Molassana con una pistola semiautomatica Bernardelli 7.65 ma di non avere sparato perché subito sarebbe stato aggredito da Marco N’Daye, il senegalese di 30 anni amico della vittima e arrestato la settimana scorsa per detenzione di arma clandestina.

Morso, difeso dall’avvocato Mario Iavicoli, è stato arrestato per detenzione e porto abusivo di arma clandestina mentre è indagato per omicidio in concorso. Gli investigatori, coordinati dal pm Silvio Franz, stanno adesso ricostruendo gli spostamenti di Morso e la rete di eventuali fiancheggiatori che lo hanno aiutato in queste due settimane di latitanza.

Secondo gli inquirenti, Di Maria e i suoi due amici N’Daye e Cristian Beron, colombiano presente nell’appartamento di Molassana ma non arrestato, avevano un debito di droga con Guido Morso. I tre avrebbero attirato l’uomo in una trappola per aggredirlo ma la presenza del padre avrebbe mandato all’aria i loro piani. Sarebbe nata una lite violentissima tra i cinque.

N’Daye avrebbe aggredito Vincenzo facendogli cadere la pistola, mentre Guido avrebbe prima sparato a vuoto contro di Maria e poi lo avrebbe colpito al petto con un coltello. Padre e figlio erano poi scappati a bordo di una macchina e uno scooter.

Il giovane Morso si era costituito il giorno dopo l’omicidio confessando di avere ucciso di Maria, mentre il padre è riuscito a fare perdere le proprie tracce per due settimane. (ANSA).


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Genocidio dei palestinesi, Orsini: “Gaza e l’Olocausto”

di Alessandro Orsini su X "Gaza e l’Olocausto. Siccome nella scienza tutte le domande sono lecite, chiedo a voi: quale...

DALLA CALABRIA

Traffico e incendio di rifiuti tossici, due arresti nel reggino

I Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito stamane un’ordinanza di misura cautelare personale nei confronti di associazione...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)