6 Febbraio 2023

Confiscati beni per 260mila euro affiliato cosca Serraino

Correlati

Blitz della Dia La Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria ha ottenuto dalla Sezione Misure di Prevenzione del locale Tribunale un provvedimento di confisca preventiva di beni mobili ed immobili per un valore di circa 260.000 euro riconducibili al patrimonio di Francesco Sgrò, reggino di 50 anni e del suo nucleo familiare.

I Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione al provvedimento nei confronti dello di Sgrò ritenuto appartenente alla cosca Serraino, operante in particolare nella zona di Cardeto e nel comune di Reggio Calabria, con il presunto ruolo di pianifìcatore dell’attività illecita del sodalizio criminoso, specie nell’ambito dei furti e della ricettazione di autovetture, con compiti di intermediazione (nel ricevere le “ordinazioni” di automezzi o materiale vario successivamente venduti a terze persone), nonché di approvvigionamento di armi, munizioni e materiali esplodenti per conto della cosca.

L’attività costituisce la prosecuzione dell’operazione convenzionalmente denominata “Epilogo”, nell’ambito della quale lo Sgrò viene indagato e successivamente condannato,con sentenza emessa dalla Corte di Appello di Reggio Calabria in data 29 maggio 2014, alla pena di 8 anni e 8 mesi di reclusione, per associazione di tipo mafioso e porto abusivo e detenzione di armi.

L’operazione “Epilogo” è stata condotta dai Carabinieri, a seguito dell’attentato alla Procura Generale di Reggio Calabria compiuto il 3 gennaio 2010, ed ha consentito di individuare una componente organica della cosca Serraino della “Locale” di San Sperato (quartiere di Reggio Calabria) e del territorio di Cardeto (Rc), di definirne gli indirizzi criminali e di far luce sugli episodi che destarono grande allarme sociale, quale appunto l’attentato alla Procura Generale e l’incendio dell’autovettura del giornalista Monteleone.

L’odierno provvedimento, scaturito dalle risultanze investigative patrimoniali del Reparto Operativo dei Carabinieri reggini, che hanno consentito di accertare illecite accumulazioni patrimoniali, riguarda beni consistenti in 1 abitazione ubicata in Reggio Calabria; svariati rapporti bancari, titoli obbligazionari, polizze assicurative riconducibili ai destinatari del provvedimento.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Un’altra forte scossa in Turchia, magnitudo 7.6. Ancora crolli, morti, feriti e dispersi

Altre repliche fino a oltre 6. Le due scosse sono indipendenti fra loro, ha detto un esperto della protezione civile turca. Popolazione stremata e impaurita. Allestite tende per ospitare migliaia di sfollati. Terrore anche in Siria

DALLA CALABRIA

Torna il maltempo in Calabria, neve, vento e temperature sotto zero

Forte ondata di maltempo in Calabria con neve e temperature in picchiata in tutta la regione. Sulle principali località...

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER