9 Dicembre 2022

Libia, salvati 1.400 migranti in dieci naufragi. Otto morti

Correlati

migranti ROMA – Otto cadaveri di migranti sono stati recuperati martedì mattina al largo delle coste della Libia nel corso di dieci operazioni di soccorso coordinate dalla centrale operativa di Roma della Guardia Costiera.

Nel corso degli interventi – tre dei quali ancora in corso – sono stati tratti in salvo circa 1.400 migranti. Alle operazioni di soccorso hanno partecipato la nave Diciotti, della Guardia Costiera, e unità navali di Ong, tra le quali Save The Children, Moas e Life Boat.

Dopo il recupero dei migranti sono stati disposte due operazioni di soccorso medico: un elicottero della Guardia Costiera ha prima raggiunto nave Diciotti, prendendo a bordo una donna in arresto cardiaco; successivamente ha recuperato e trasferito a terra due persone in grave stato di ipotermia che erano a bordo di nave Topaz Responder, dell’ong Moas.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Auto finisce fuori strada e impatta contro un albero, morti 2 giovanissimi

Dopo i quattro giovani morti in un incidente stradale in Umbria e due in Lombardia, altri due ragazzi di...

DALLA CALABRIA

Ennesimo sbarco in Calabria: 161 migranti a Crotone

Sono 161 i migranti sbarcati al porto di Crotone in due diversi eventi avvenuti nelle prime ore del mattino. Il...

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER