2 Marzo 2024

Omicidio Caccia, un errore porta alla scarcerazione del presunto killer

Correlati

Rocco Schirripa, presunto autore dell'omicidio Caccia
Rocco Schirripa, presunto autore dell’omicidio Caccia

Un errore procedurale ha causato l’annullamento del processo sull’omicidio del procuratore di Torino Bruno Caccia, ucciso 32 anni fa e per il cui delitto a dicembre 2015 era stato arrestato Rocco Schirripa, di origini calabresi, ritenuto il presunto esecutore materiale.

Il processo in corso a Milano a carico di Schirripa è “affetto da irreparabile vizio procedurale” e il pm di Milano, Marcello Tatangelo, sulla scorta di questo, ha chiesto la revoca della misura di custodia cautelare in carcere per Schirripa.

L’inutilizzabilità degli atti – spiega il legale dei figli del magistrato, Fabio Repici – deriva dalla mancata richiesta di riapertura delle indagini a suo carico che erano state archiviate nel 2001. La “ferale conseguenza” dell’errore, per il legale, è “l’assoluta inutilizzabilità di ogni atto d’indagine e processuale compiuto nei confronti dell’imputato Schirripa”. “Per questo – aggiunge – il pubblico ministero ha avanzato richiesta di scarcerazione”. “Apprendiamo la notizia con sconcerto incredibile”, scrive il legale.

Il magistrato Bruno Caccia fu ucciso la sera del 26 giugno 1983, mentre portava a spasso il suo cane sotto casa, sulla precollina di Torino. 32 anni nel chiaroscuro, in quanto si era risaliti al mandante ma non a uno dei presunti esecutori materiali.

Per l’omicidio del giudice fu arrestato, 10 anni dopo, nel 1993, quello che è stato ritenuto il mandante del delitto. Domenico Belfiore, esponente di spicco della ‘ndrangheta piemontese, poi condannato all’ergastolo e dallo scorso 15 giugno ai domiciliari per motivi di salute.

Bruno Caccia stava indagando su numerosi fatti di ‘ndrangheta tra cui alcuni sequestri di persona. Le indagini che hanno condotto alla svolta dell’omicidio di Bruno Caccia sono state riaperte anche in seguito alle richieste dei legali della famiglia del procuratore freddato nell’83.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Massacro a Gaza, medico: L’80% dei feriti colpiti da proiettili israeliani

Il direttore ad interim dell'ospedale al-Awda di Jabalia, Mohammed Salha, afferma che circa l'80% dei feriti nella strage durante...

DALLA CALABRIA

Traffico e incendio di rifiuti tossici, due arresti nel reggino

I Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito stamane un’ordinanza di misura cautelare personale nei confronti di associazione...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)