5 Marzo 2024

Si spara un colpo di pistola in bocca. In coma poliziotto penitenziario

Correlati

pronto soccorso ospedaleUn agente della polizia penitenziaria, di 44 anni, si è sparato un colpo di pistola in bocca al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Orsola di Bologna. E’ in coma. L’uomo, per motivi sconosciuti, si è seduto su una barella dietro a un separè e ha premuto il grilletto della sua pistola d’ordinanza.

Il poliziotto, che presta servizio presso il carcere minorile del Pratello di Bologna, era arrivato questa mattina, attorno alle 8:30, al pronto soccorso in ambulanza, con una piccola lesione al labbro: niente di grave, tanto che era stato classificato codice bianco e dopo una prima visita era stato messo in attesa per le cure.

Poco dopo la tragedia: una infermiera ha sentito un tonfo e dentro al box, che ha tre pareti e una quarta coperta da una tenda, ha visto che l’uomo si era sparato, trovandolo in un lago di sangue. Non sono ancora chiari i motivi dell’estremo gesto.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Nazioni Unite: “Gaza è una polveriera che può innescare una guerra più ampia”

Il capo dei Diritti umani dell'Onu Volker Turk afferma che è essenziale evitare una conflagrazione del conflitto, che potrebbe avere ripercussioni sulla regione del Medio Oriente e oltre

DALLA CALABRIA

‘Ndrangheta, condannato a 20 anni un pentito accusato di aver ucciso il padre

Il gip di Vibo Valentia, Barbara Borelli, ha condannato a 20 anni di reclusione, con l'accusa di omicidio, occultamento...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)