16 Maggio 2022

Omicidio in panificio, titolare uccide dipendente dopo una lite

Stessa categoria

Il Granaio GenovaIl titolare di una panetteria di Genova, Ezyon Veizay, italo-albanese di 34 anni, ha ucciso il suo dipendente ivoriano, Amadi Diallo, di 25 anni, al culmine di una lite per motivi di lavoro. Il delitto è avvenuto intorno alle 5 nel panificio “Il Granaio” di corso Buenos Aires nel capoluogo ligure. Dopo l’omicidio il panettiere ha chiamato la polizia.

I poliziotti, intervenuti sul posto hanno chiamato il 118, ma quando il personale sanitario è arrivato ha solo potuto constatare il decesso dell’ivoriano. Il panettiere albanese è stato arrestato dopo un lungo interrogatorio.

Nel panificio, per ricostruire la dinamica dell’aggressione, sono intervenuti anche i poliziotti della scientifica. Movente dell’omicidio, pare una questione di denaro. Il panettiere e il dipendente ucciso questa mattina litigavano da giorni.

I due avrebbero discusso animatamente di soldi arretrati che la vittima doveva ancora ricevere. L’ultima tragica discussione all’alba quando dal forno uscivano le prime focacce da distribuire ai commercianti.

Diallo, e il proprietario della panetteria, Veizay, prima hanno iniziato a parlare. La tensione sale come la temperatura all’interno del forno, e tra i due cominciano a volare paroloni accompagnati da insulti. Poi lo scontro fisico, quando Veizay avrebbe afferrato un coltello colpendo il suo dipendente con almeno un fendente al torace. Il presunto omicida è ancora sotto interrogatorio da parte degli agenti della squadra mobile e del magistrato di turno.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Usb aeroporto di Pisa: “In Ucraina armi anziché aiuti umanitari”

"Armi mascherate da "aiuti umanitari" dirette segretamente in Ucraina dall'Italia". Lo sostiene l'Unione sindacati di base dell'aeroporto di Pisa,...

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER