5 Marzo 2024

Orrore a Brescia, donna trovata decapitata. E’ giallo

Correlati

Piazza Vittoria 11 a Brescia
L’edificio di Piazza Vittoria a Brescia dov’è stata rinvenuta la donna decapitata (Street view)

Il cadavere di una donna decapitata è stato ritrovato in un palazzo di piazza Vittoria 11, a Brescia, nella tromba delle scale interne condominiali. La testa, da quanto scrivono alcuni media locali, pare sia stata trovata un piano sotto da dove era invece il corpo. L’identità della donna non è stata al momento resa nota. Si tratta di una signora di 56 anni.

Il macabro ritrovamento è stato fatto stamane intorno alle 7. Al momento non si esclude alcuna ipotesi, e tra queste anche il suicidio.

La decapitazione potrebbe essere stata provocata da una caduta lungo  la tromba dell’ascensore durante la qualea donna ha battuto violentemente la testa. Se si tratti di un gesto volontario, accidentale o che qualcuno l’abbia potuta spingere è al vaglio degli investigatori. L’incidente sarebbe avvenuto attorno alle 4 di stamane.

Sul posto sono intervenuti gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Brescia e la Scientifica per i rilievi del caso.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Nazioni Unite: “Gaza è una polveriera che può innescare una guerra più ampia”

Il capo dei Diritti umani dell'Onu Volker Turk afferma che è essenziale evitare una conflagrazione del conflitto, che potrebbe avere ripercussioni sulla regione del Medio Oriente e oltre

DALLA CALABRIA

‘Ndrangheta, condannato a 20 anni un pentito accusato di aver ucciso il padre

Il gip di Vibo Valentia, Barbara Borelli, ha condannato a 20 anni di reclusione, con l'accusa di omicidio, occultamento...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)