5 Marzo 2024

Hotel Rigopiano sommerso da metri di neve. Corsa contro il tempo

Correlati

Soccorritori all'hotel Rigopiano spalano ininterrottamente
Soccorritori all’hotel Rigopiano spalano ininterrottamente.

Ci sarebbero almeno 30 dispersi all’hotel Rigopiano, ai piedi del Gran Sasso, travolto mercoledì tardo pomeriggio da un imponente valanga di neve mista a tronchi d’albero e detriti. La struttura appare in larga parte distrutta e sotto metri di neve. Etratta una prima vittima, ma si temono, come ha riferito un soccorritore, “tanti morti”.

I soccorsi sono molto difficili. Si spala ininterrottamente da stanotte dove i primi soccorritori sono arrivati con gli sci per cercare di strappare alla morte eventuali sopravvissuti. Le scosse di terremoto di ieri hanno pian piano lesionato la spessa coltre di neve, oltre due metri, sulle vette del Gran Sasso e poi si è staccata iniziando la sua violenta discesa a valle travolgendo prima il bosco e infine il resort “dei sogni” dove i turisti stavano trascorrendo qualche giorno di relax.

Le persone all’interno – forse 22 ospiti, oltre gestori e personale – sono state colte all’improvviso. Un fortissimo boato, seguito da crolli e poi il buio. Il gelo della notte ha fatto il resto spezzando la calda atmosfera in quell’oasi in mezzo alla natura.

VIDEO DEI SOCCORSI 

Alcune persone che erano all’esterno son scese giù a valle e sono riuscite a dare l’allarme, raccontando che nella struttura c’erano anche bambini. Un superstite ha detto che la moglie e i figli sono sotto le macerie.

L'Hotel Rigopiano in una foto scattata da vigili fuoco dall'elicottero
L’Hotel Rigopiano in una foto scattata da vigili fuoco dall’elicottero

Dalle prime immagini riprese dall’alto dai vigili del fuoco l’albergo, di 5 piani, appare semisommerso da metri e metri di massa nevosa. In altre immagini si vedono vigili del fuoco, volontari e altri spalare e scavare anche a mani nude, nel ghiaccio.

Si cerca di entrare all’interno del resort perché potrebbe darsi (e si spera) che le persone all’interno al momento dell’impatto con la montagna di neve siano riuscite a radunarsi in uno spazio nell’hotel.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Nazioni Unite: “Gaza è una polveriera che può innescare una guerra più ampia”

Il capo dei Diritti umani dell'Onu Volker Turk afferma che è essenziale evitare una conflagrazione del conflitto, che potrebbe avere ripercussioni sulla regione del Medio Oriente e oltre

DALLA CALABRIA

‘Ndrangheta, condannato a 20 anni un pentito accusato di aver ucciso il padre

Il gip di Vibo Valentia, Barbara Borelli, ha condannato a 20 anni di reclusione, con l'accusa di omicidio, occultamento...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)