17 Maggio 2022

Narcotizzano e rapinano un vecchietto, fermati tre albanesi

Stessa categoria

banda torinoPensava di aver trovato gli acquirenti per la sua casa di campagna, a Vallo Torinese, invece è caduto nella trappola di una banda di rapinatori che l’hanno sequestrato e narcotizzato lasciandolo privo di sensi sul pavimento di casa.

È accaduto a Torino verso la fine di novembre scorso, dove un 80enne riceve una telefonata nella sua casa torinese da un uomo che dice di essere un agente immobiliare. “Sono interessato alla sua casa di Vallo Torinese, se è d’accordo, domani vengo a vederlo”.

Fissano un incontro per il giorno dopo. A Vallo il proprietario incontra le tre persone e le porta a vedere la casa. Arrivati nella cascina, uno dei tre finti clienti blocca il pensionato e un altro lo narcotizza. Si risveglierà solo due ore dopo, stordito e dolorante.

Nel giro di poco il pensionato si accorge che i tre finti agenti immobiliari gli hanno rubato 600 euro, la Panda e le chiavi dell’appartamento di via Santa Giulia. Dopo un quarto d’ora lo chiama sul telefonino cellulare il suo vicino di casa di Torino che lo avverte: “Guarda che ti è scattato l’allarme”.

I ladri non riescono a mettere a segno il furto e scappano. I militari sono riusciti a identificare la “banda dei finti agenti immobiliari” e nei giorni scorsi hanno eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto a Calogero Milioto, 56 anni, residente ad Asti, Alban lena, albanese di 41 anni, abitante ad Asti, e Rocco Mancino, 54 anni, residente in provincia di Asti, ritenuti responsabili della rapina.

È stato, inoltre, denunciato un quarto complice, Salvatore A., 44 anni, abitante ad Asti, che è coinvolto soltanto in un altro furto. Le indagini hanno dimostrato che i primi tre, il primo dicembre dell’anno scorso, a Vallo Torinese, fingendosi interessati acquisto abitazione, hanno narcotizzato e rapinato la vittima di 80 anni.

Gli hanno rubato 600,00, la Fiat Panda e chiavi di un’altra abitazione Torino. Il furto non è riuscito perché è scattato l’allarme. Le indagini hanno chiarito anche che il primo gennaio scorso, Milioto, Alban e Salvatore A., a Celle Enomondo, fraz. di Merlazza (At) hanno svaligiato un altro appartamento. La banda è sospetta di aver messo a segno diverse rapine in Piemonte con la stessa tecnica.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Usb aeroporto di Pisa: “In Ucraina armi anziché aiuti umanitari”

"Armi mascherate da "aiuti umanitari" dirette segretamente in Ucraina dall'Italia". Lo sostiene l'Unione sindacati di base dell'aeroporto di Pisa,...

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER