29 Gennaio 2023

Casalinga insospettabile con centrale di droga in casa

Correlati

alfa carabinieriNel cassettone in camera da letto di una casalinga incensurata del Parco Verde di Caivano (Napoli) c’erano quasi 3.000 dosi di eroina e crack. A poca distanza, ancora droga di tutti i tipi: dalla cocaina al crack, dall’hashish alla marijuana tenuti nascosti ma a portata di mano in un vano ricavato abusivamente nella cabina motori dell’ascensore di uno degli edifici del ‘Parco verde’.

L’arresto della donna e la scoperta del nascondiglio è opera dei carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna durante servizi contro lo spaccio riconducibile ai clan camorristici operanti a Caivano e nei paesi vicini.

Arrestata in flagranza durante la notte una incensurata di 34 anni. Nel corso di perquisizione domiciliare i militari dell’Arma hanno rinvenuto e sequestrato nella sua cassettiera 2.650 dosi di eroina (2.720 grammi) e 150 dosi di crack (80 grammi). Perquisizioni per blocchi di edifici sono state eseguite anche in altre aree del ‘Parco verde’.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Messina Denaro, procuratore De Lucia: “Stop a speculazioni sull’arresto”

Secondo il capo della Procura di Palermo non ci sono "ombre" sulla cattura del superlatitante. "E' tutto trasparente e pubblico. Le forze di polizia hanno svolto un grande lavoro. Indagine impeccabile"

DALLA CALABRIA

Assalto al caveau di Caraffa, giudici riconoscono aggravante mafiosa

Per due degli imputati. Il colpaccio a dicembre 2016 nei confronti di un caveau della Sicurtransport. Il bottino era stato quantificato in otto milioni e 170 mila euro.

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER