Montecarlo, lite tra cuochi finisce a coltellate. Morto un siciliano

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Da sinistra la vittima Alfio Fallica e il collega cuoco Ricard Nika
Da sinistra la vittima Alfio Fallica e il collega cuoco Ricard Nika

Un cuoco siciliano residente a Mentone, in Francia, Alfio Fallica, 30 anni, è stato ucciso a coltellate a Montecarlo. L’omicidio è avvenuto nella cantina del ristorante Pulcinella probabilmente al culmine di una lite con un suo collega.

Dalle prime informazioni, pare che i due colleghi stessero discutendo animatamente, quando il litigio è degenerato. A quel punto Ricard Nika, 30 anni, cuoco albanese ma da sempre residente a Bordighera, avrebbe preso un coltello da cucina e lo avrebbe colpito a morte.

Il presunto omicida, incensurato, è stato fermato dai carabinieri della città delle Palme. “Ho commesso qualcosa di grave in un ristorante di Monaco”, avrebbe detto Nika ai militari che lo hanno visto vagare, confuso, con gli abiti macchiati di sangue.

Nika, che avrebbe confessato il delitto, avrebbe colpito Alfio Fallica con vari fendenti sferrati con un coltello da cucina. Non sono ancora chiari i motivi del litigio. Dopo l’arresto il cuoco non ha più parlato. L’omicidio sarebbe avvenuto quando nel locale non c’erano altre persone.

A seguito del delitto, Nika è salito sul suo scooter ed è tornato a Bordighera dove i carabinieri lo hanno fermato, scoprendo anche che aveva una ferita ad un braccio procuratosi durante la lite con il collega ucciso. Ora è in carcere a Imperia.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM