3 Luglio 2022

Choc a Giugliano, 13enne violentato per 4 anni da branco di minorenni

Stessa categoria

Giugliano NapoliQuattro anni di violenza sessuale da parte di un branco di undici minororenni di età compresa tra i 13 e 17 anni. E’ quanto ha subìto un adolescente di 13 anni a Giugliano, in provincia di Napoli.

A ricostruire la brutta storia sono stati i carabinieri della compagnia del posto che hanno avviato indagini dopo che la madre della vittima ha raccontato di aver notato che qualcosa non andava nel suo ragazzino. In una circostanza aveva constatato atteggiamenti sospetti nel gruppo mentre era in compagnia del figlio.

Per otto minorenni è stato disposto l’accompagnamento in comunità, mentre per altri tre non si è potuto procedere in quanto con età inferiore ai 14 anni.

Gli episodi di violenza sarebbero stati diversi, l’ultimo dei quali due mesi fa, a gennaio 2017. Le violenze sono durate circa quattro anni, cioè da quanto il ragazzino aveva 9 o 10 anni.

C’è sgomento a Giugliano, grosso centro a nord di Napoli, teatro dell’ennesimo caso di violenza sessuale in danno a minorenni. “E’ terribile” ha commentato il sindaco della città, Antonio Poziello. “L’idea che a compiere le violenze sia stato un “branco” di minori, di cui due con meno di 14 anni, e che siano andate avanti per ben quattro anni lascia sgomenti”.

L’orrore di Giugliano ricorda il caso Melito Porto Salvo, in Calabria, dove una ragazzina non ancora 14enne è stata ripetutamente violentata da un gruppo di nove persone, ma più grandi di età. Tra il gruppo arrestato a settembre 2016 figurava il suo fidanzato maggiorenne.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

La crisi Ucraina spacca il governo italiano. Di Maio lascia il M5S: “Basta ambiguità”

"Scelta sofferta" del ministro ed ex capo politico dei 5s, che non saranno più la prima forza in Parlamento. Una settantina I parlamentari che confluiranno in "Insieme per il Futuro"

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER