5 Marzo 2024

Difende la fidanzata e viene ucciso dal branco

Correlati

Emanuele Morganti
Emanuele Morganti

Un ragazzo di 20 anni, Emanuele Morganti, di Alatri (Frosinone) è morto al Policlinico Umberto I di Roma dopo essere stato pestato a sangue nella notte tra venerdì e sabato da un branco composto da una decina di persone.

Il giovane non c’è l’ha fatta a superare i traumi subiti a causa del violento pestaggio di tre giorni fa. Troppo gravi erano le ferite riportate alla testa.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Frosinone, Emanuele Morganti, quella sera, in un club privato nel centro di Alatri, aveva difeso la sua fidanzata dalle attenzioni di un giovane che era nel gruppo degli aggressori, pare di nazionalità albanese.

Da una discussione accesa si è passati alle vie di fatto. Il branco ha circondato il ventenne prendendolo a calci, pugni e a sprangate in testa, tanto da procurargli una emorragia cerebrale e fratture multiple al capo e altre parti del corpo.

I militari insieme ai pm stanno ascoltando in caserma alcuni sospetti che si presume abbiano partecipato al brutale pestaggio – omicidio.

La posizione del branco, dopo la morte di Emanuele Morganti si è aggravata. Nelle prossime ore potrebbero esserci sviluppi nelle indagini.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Nazioni Unite: “Gaza è una polveriera che può innescare una guerra più ampia”

Il capo dei Diritti umani dell'Onu Volker Turk afferma che è essenziale evitare una conflagrazione del conflitto, che potrebbe avere ripercussioni sulla regione del Medio Oriente e oltre

DALLA CALABRIA

‘Ndrangheta, condannato a 20 anni un pentito accusato di aver ucciso il padre

Il gip di Vibo Valentia, Barbara Borelli, ha condannato a 20 anni di reclusione, con l'accusa di omicidio, occultamento...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)