Milano, tangenti per pilotare appalti: arrestati tre dirigenti comunali


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Palazzo Marino a Milano
Palazzo Marino a Milano

Due dirigenti del comune di Milano e un funzionario sono stati arrestati stamani dal nucleo di polizia tributaria della Gdf di Milano nell’ambito dell’inchiesta del procuratore aggiunto Giulia Perrotti e del pm Luca Poniz su alcuni casi di presunta corruzione per pilotare “l’aggiudicazione di alcune gare di appalto” bandite dall’amministrazione comunale “a favore del Consorzio Milanese Scarl e delle imprese sue associate”.

Sono stati accertati anche due casi di presunta concussione. Secondo l’accusa i tre dipendenti di palazzo Marino avrebbero ricevuto 100 mila euro per pilotare diversi appalti comunali.

Gli episodi sarebbero avvenuti tra il 2005 e il 2012 e sotto tre diverse amministrazioni comunali. Gli appalti, nello specifico, riguarderebbero la manutenzione di immobili comunali, come scuole, o abitazioni dell’ALER.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM