3 Marzo 2024

Bari, ucciso incensurato di 50 anni dipendente dell’Amiu

Correlati

omicidio polizia scientificaBARI – Un incensurato di 50 anni, Michele Amedeo, dipendente dell’Amiu di Bari, è morto dopo essere stato ferito da persone non ancora identificate, con colpi d’arma da fuoco.

L’agguato è avvenuto ieri sera a tarda ora in via Fazio, nel quartiere San Paolo, nei pressi dell’azienda di raccolta dei rifiuti urbani dove l’uomo lavorava e stava per prendere servizio per la notte. Soccorso dagli operatori 118 è morto dopo un’ora dal ricovero.

Da una prima ricostruzione, l’uomo sarebbe stato affiancato da un’automobile dalla quale i sicari avrebbero sparato almeno cinque colpi di pistola e colpendolo al torace. Indagini sono in corso da parte degli agenti della Squadra mobile della questura di Bari per risalire ad autori e movente.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Genocidio dei palestinesi, Orsini: “Gaza e l’Olocausto”

di Alessandro Orsini su X "Gaza e l’Olocausto. Siccome nella scienza tutte le domande sono lecite, chiedo a voi: quale...

DALLA CALABRIA

Traffico e incendio di rifiuti tossici, due arresti nel reggino

I Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito stamane un’ordinanza di misura cautelare personale nei confronti di associazione...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)