Bressanone, schianto tra due treni: 2 morti e tre feriti gravi


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Tragedia ferroviaria Bressanone BrenneroDue operai sono morti e tre sono rimasti feriti a seguito di un tragico scontro tra due treni sulla linea ferroviaria del Brennero, a Bressanone.

Nell’incidente, avvenuto a mezzanotte, sono rimasti coinvolti due treni utilizzati per la manutenzione tecnica della linea. Da una prima ricostruzione, un mezzo per cause da chiarire, è finito sull’altro causando prima il deragliamento e poi una esplosione che ha dato vita a un incendio. Dalle prime immagini i due convogli appaiono completamente distrutti.

L’incidente – spiega Rfi – è avvenuto alle 23.55 di ieri sera tra due mezzi tecnici, una rincalzatrice e una profilatrice, di proprietà della ditta Rossi G.C.F., che sta svolgendo dei lavori sulla linea ferroviaria.

I due operai sono morti sul colpo, mentre i tre feriti, in gravi condizioni, sono stati trasportati in codice rosso negli ospedali di Bolzano e Bressanone.

Sul luogo della tragedia sono intervenuti i Vigili del fuoco, la Croce bianca, la polizia e i carabinieri. Decine le ambulanze. La circolazione dei treni è sospesa tra Fortezza e Bressanone ma è stato attivato un servizio sostitutivo con autobus tra Brennero e Bolzano. Rfi ha già attivato un’inchiesta per stabilire le cause dell’accaduto. Indaga anche la procura che ha aperto un fascicolo per accertare eventuali responsabilità.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM