29 Giugno 2022

Naufragio Concordia, condanna definitiva per Francesco Schettino

Stessa categoria

Francesco Schettino, ex comandante della Costa Concordia
Francesco Schettino, ex comandante della Costa Concordia

L’ex comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino, è stato condannato in via definitiva dalla Cassazione a 16 anni di reclusione. La sentenza è stata emessa venerdì sera dai giudici della Quarta sezione penale della Suprema Corte, presieduti da Vincenzo Romis, dopo una camera di consiglio durata alcune ore.

Confermate quindi le sentenze di primo e secondo grado in cui l’ex comandante era stato condannato a 16 anni per aver causato “colposamente” la morte di 32 persone nel tragico naufragio all’isola del Giglio la sera del 13 gennaio 2012.

Schettino si è costituito nel carcere di Rebibbia per scontare la condanna ora passata in giudicato. Ha atteso il verdetto e ha detto “Busso in carcere per costituirmi perché credo nella giustizia”. La notizia della condanna sta facendo il giro del mondo.

A bordo del transatlantico quella sera c’erano 4.229 persone, tra passeggeri ed equipaggio. Nel naufragio morirono 32 persone, e a decine si contarono i feriti. Imponenti le operazioni di salvataggio avvenute sotto gli occhi delle telecamere di tutto il mondo.

Ottanta milioni di euro di risarcimento sono stati finora pagati dalla società armatrice Costa ai parenti delle vittime, mentre ingenti le somme per il recupero e la distruzione della nave da crociera.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

La crisi Ucraina spacca il governo italiano. Di Maio lascia il M5S: “Basta ambiguità”

"Scelta sofferta" del ministro ed ex capo politico dei 5s, che non saranno più la prima forza in Parlamento. Una settantina I parlamentari che confluiranno in "Insieme per il Futuro"

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER