Crollo ponte sull’A14, 41 indagati, tra cui Autostrade per l’Italia

Carlomagno Jeep Renegade Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb

immagini aeree cavalcavia crollato A14 (3)_SPNCi sono anche 6 tra dirigenti e funzionari di Aspi – Autostrade per l’Italia tra i 41 indagati (37 persone fisiche e quattro società) del procedimento per il crollo del ponte 167 sull’A14 che il 9 marzo costò la vita ai coniugi Emidio Diomede e Antonella Viviani. Tra loro Roberto Tomasi, condirettore generale Nuove Opere, e i responsabili di procedimento, gli ingegneri Giovanni Scotto Lavina e Guido Santini. LEGGI

Nell’elenco c’è anche Mauro Coletta, direttore dell’Istituto di vigilanza sulle concessioni autostradali. Tutti gli indagati comprese le società Autostrade per l’Italia, Pavimental, Delabech (che eseguì i lavori) e Spea Engeneering (progettista), sono stati raggiunti dall’avviso di atto irripetibile, che è un atto di garanzia, per le accuse, a vario titolo, di disastro colposo, cooperazione in omicidio colposo, lesioni colpose e violazione delle norme sulla sicurezza.

Il ponte della strada provinciale crollò improvvisamente all’altezza di Camerano (Ancona) e schiacciò l’auto con all’interno la coppia di coniugi che viaggiava sull’A14. Rimasero feriti anche due operai della Delabech, che in quel momento stavano eseguendo dei lavori di manutenzione.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb