6 Febbraio 2023

Omicidi nel Casertano, arrestati quattro membri dei Casalesi

Correlati

blitz dei carabinieriDalle prime ore di stamane, nelle province di Caserta, Como, Sassari e l’Aquila, i Carabinieri del Nucleo investigativo del comando provinciale di Caserta, stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip presso il Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Dda, nei confronti di 4 indagati, ritenuti responsabili di concorso in omicidio e detenzione e porto illegale di armi, con l’aggravante del metodo mafioso.

L’indagine ha consentito, tra l’altro, di individuare nei destinatari del provvedimento, ritenuti tutti affiliati al clan dei Casalesi, gli autori dell’omicidio di un imprenditore edile, commesso il 21 ottobre 1992 a Caserta.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Terremoto in Turchia, la diretta del giornalista con una forte scossa in corso. VIDEO

Stamane, nel corso di una delle scosse, probabilmente quella di magnitudo 7.6 avvenuta alle 12.24 nell’Elbistan, in Turchia, durante...

DALLA CALABRIA

Torna il maltempo in Calabria, neve, vento e temperature sotto zero

Forte ondata di maltempo in Calabria con neve e temperature in picchiata in tutta la regione. Sulle principali località...

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER