2 Marzo 2024

Trieste, due alpinisti morti sulla parete rocciosa

Correlati

incidenti montagna soccorso alpino elicottero(ANSA) – TRIESTE, 4 AGO – Due alpinisti sono morti ieri sulla ferrata “Rose d’Inverno” in Val Rosandra, a pochi chilometri da Trieste. Le vittime sono Roberto Nardini, 84 anni, e Giorgio Peressoni (79), morti cercando di aiutarsi in parete, probabilmente in seguito a un malore l’uno e allo sforzo di aiutare l’amico, l’altro.

I due sono stati trovati privi di vita in tarda serata, ancora appesi in parete. Dai primi rilievi, non sembrerebbe che gli escursionisti siano rimasti coinvolti in cadute contro le rocce. Pare invece che il capocordata abbia perso l’appiglio e trascinato in basso anche il compagno, che era legato con lui.

Da quel momento la coppia non sarebbe più riuscita ad avvicinarsi alla parete per cercare di mettersi in salvo. L’allarme è scattato in serata dopo la denuncia di scomparsa da parte dei parenti.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Il ministro russo Lavrov risponde a Macron: “Le truppe occidentali sono già in Ucraina”

Il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov, citato dalla Tass, risponde al presidente francese Macron su un eventuale invio...

DALLA CALABRIA

Traffico di rifiuti speciali tra Italia e Tunisia, numerosi arresti

Dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, personale della Direzione investigativa antimafia e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)