31 Gennaio 2023

Incendi, due morti a Tivoli e un uomo ad Acerra

Correlati


I corpi di due persone, una donna anziana e sua figlia, sono stati trovati senza vita dai vigili del fuoco in una casa sita all’interno di un terreno dove è divampato un vasto incendio in via della Crocetta, nei pressi di Tivoli, in provincia di Roma.

Le due vittime, vista la casa circondata dalle fiamme sono rimaste senza via di scampo, e sono morte per cause che sono in via di accertamento, probabilmente intossicate dal fumo.

Un uomo di 84 anni è morto in un altro incendio sviluppatosi domenica in un podere agricolo nei pressi di Acerra. L’uomo, trasportato in ospedale è deceduto.

Altri incendi hanno interessato aree vicine a Roma, con decine di roghi divampati lungo la via Pontina, un altro all’altezza di Trigoria e anche nella Valle dell’Aniene, in una zona di montagna tra Subiaco e Affile. Un incendio è scoppiato anche al quartiere Africano, all’interno dell’area metropolitana della Capitale.

Prosegue l’emergenza in Sicilia, dove sono stai “censiti” ben 39 roghi. Nella prima parte della mattinata le fiamme hanno rifatto capolino sul Vesuvio, in località Montedoro a Torre del Greco, in provincia di Napoli. In quest’area la Polizia metropolitana ha reso noto la decisione di intensificare gli interventi di pattugliamento intorno a Ercolano, ricadente nel Parco Nazionale del Vesuvio. Allo spegnimento dei roghi a livello nazionale hanno contribuito anche tre aerei, due Canadair e un velivolo da ricognizione, mobilitati dalla Commissione Ue.

Gli incendi hanno quindi interessato soprattutto il centro-Sud, a parte un rogo a Vicchio nel Mugello, in provincia di Firenze, che ha obbligato la Protezione Civile a evacuare un gruppo di 17 turisti di nazionalità belga, e un altro in provincia di Padova, tra Este e Calaone di Baone. Da registrare anche un incendio di vaste proporzioni che ha interessato una parte del Parco Nazionale del Gran Sasso e un altro ancora nei boschi di Panicale sul Monte Magno, in provincia di Lucca, domato grazie anche all’ausilio di un elicottero della Regione Toscana.

L’emergenza incendi in Sicilia non pare affievolirsi: quelli ancora attivi sono 39, le zone più colpite nel Palermitano, quelle al confine tra Enna e Caltanissetta e nel Messinese. In provincia di Palermo sono in tutto 9 (addirittura nel Corleonese è stato chiesto l’intervento di 3 aerei), ma roghi sono divampati anche Partinico, Lercara Friddi e nelle Madonie.

Quattro i roghi a Enna, soprattutto nella zona di Piazza Armerina che brucia ormai da 4 giorni, e 4 a Caltanisetta, tra Niscemi e Riesi. Poi 3 incendi in provincia di Trapani, 4 intorno ad Agrigento e 6 nel Messinese. Fiamme anche nel Catanese, lungo il confine con la provincia di Messina, dove i roghi sono divampati in 6 zone particolari.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Messina Denaro, perquisita la casa dell’ex amante del boss

Perquisite le abitazioni di Maria Mesi e del fratello Francesco, già coinvolti in una inchiesta perché ritenuti fiancheggiatori del capomafia

DALLA CALABRIA

Elezioni provinciali a Vibo, L’Andolina (centrodestra) è il nuovo presidente

Il sindaco di Zambrone - nelle elezioni in cui partecipano solo amministratori e consiglieri comunali -, è stato eletto con il 57,65% dei voti, battendo il candidato del centrosinistra, sostenuto anche dal Terzo polo, Giuseppe Condello, sindaco di San Nicola da Crissa, che si è fermato al 42,35%.

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER