1 Ottobre 2022

Ravenna, Volante contro albero: morti due poliziotti. Mercoledì funerali di Stato

Correlati

Incidente mortale Polizia RavennaDue poliziotti della Questura di Ravenna, un uomo e una donna, sono morti in seguito a un incidente stradale accaduto – mentre erano in servizio – a Lido Adriano, sul litorale, la scorsa notte. Sono il sostituto commissario Nicoletta Missiroli, 52 anni di Fusignano, e l’agente Pietro Pezzi, 29, di Russi, sempre in provincia di Ravenna.

Il Questore Rosario Eugenio Russo sin dalla nottata ha seguito l’intera evoluzione dell’accaduto. Secondo quanto finora emerso, l’incidente è successo poco prima di mezzanotte quando i due poliziotti stavano andando nel vicino a Lido di Dante per tentare di calmare gli animi in una lite innescatasi tra irlandesi all’interno di un campeggio.

Alla guida della Volante c’era l’agente. La vettura ha svoltato su viale Manzoni centrando però uno degli alberi che costeggia la strada. I due sono morti sul colpo. Il contachilometri era fermo sugli 80. Era appena terminato di piovere con intensità. Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118, Polizia di Stato, Polizia municipale e Carabinieri.

(Aggiornamento del 18 settembre)
Saranno celebrati mercoledì 20 settembre in Duomo a Ravenna i funerali di Stato dei due poliziotti morti poco prima della mezzanotte tra sabato e ieri in un incidente stradale a Lido Adriano, sul litorale ravennate, mentre stavano intervenendo per sedare una rissa in un camping. A comunicarlo è stata la Questura della città romagnola che in una nota ha precisato che la funzione inizierà alle 11 e sarà concelebrata dal vescovo Lorenzo Ghizzoni e dal cappellano della polizia Paolo Carlin.

Sarà presente anche il capo della polizia, Franco Gabrielli, oltre a vari rappresentanti di istituzioni civili e militari. La camera ardente, allestita in Questura, sarà aperta dalle 16 di oggi nonché dalle 8 alle 20 di domani a tutti coloro che vogliano dare l’ultimo saluto al sostituto commissario Nicoletta Missiroli, 53 anni, e all’agente Pietro Pezzi, 29 anni. (Ansa)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

La Russia annette il Donbass. Il discorso di Putin: “Èlite occidentali arroganti. Noi Potenza sovrana”

Il presidente russo: "Non c'è più spazio per il colonialismo e l'egemonia degli Usa. La Russia oggi è tornata ad essere una grande Nazione, una grande potenza millenaria, un Paese di civiltà, e non ha intenzione di vivere secondo le regole truccate e fasulle dell'Occidente"

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER