5 Marzo 2024

Drammatico schianto in Puglia: 4 morti, tra cui tre giovanissimi

Correlati

Drammatico incidente a Gioia del Colle, in Puglia: 4 morti, tra cui tre giovanissimi
Le due auto del gravissimo incidente in Puglia (Ansa)

Capodanno drammatico in Puglia dove stamane quattro persone sono morte in uno scontro frontale avvenuto sulla statale 100, in direzione Taranto, all’altezza di Gioia del Colle. Le vittime sono tre giovani baresi e un signore di 68 anni.

Lo scontro è avvenuto poco dopo le 8.30 di stamattina tra una Volkswagen Passat e una Chevrolet Kalos. Nell’incidente frontale sono morti Gaetano Strambelli e Daniele Caputo, entrambi di 18 anni; Claudio Cassatella, 22enne di Ceglie del Campo, che viaggiavano insieme sulla Chevrolet. Morto anche Vincenzo Genco, sessantottenne di Castellaneta, che era a bordo della Passat. I giovani stavano facendo ritorno a Bari dopo aver trascorso il Capodanno in una discoteca nel Tarantino.

L’impatto è stato violentissimo al punto che pezzi del motore sono volati per alcuni metri.  Per estrarre i corpi dalle lamiere accartocciate è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco. A nulla, purtroppo, sono valsi i soccorsi dei sanitari del 118.

Sconosciute le cause del drammatico schianto. Si parla di nebbia, di alta velocità o un sorpasso azzardato, ma solo i rilievi della Polizia stradale, intervenuta sul posto, potrà accertare l’esatta dinamica.

Una ragazza morta in incidente in Valle d’Aosta.

Una ventunenne di Legnano (Milano), Federica Banfi, è morta in uno scontro avvenuto la scorsa notte, probabilmente a causa del ghiaccio presente sull’asfalto, tra un minivan e un pullman sull’autostrada A5. Nell’incidente 7 persone sono rimaste ferite; quattro, tutti di giovane età, sono ricoverate all’Ospedale di Aosta in prognosi riservata. La procura di Aosta mira a far luce sul ruolo dei vertici della Sav, società che gestisce l’autostrada A5 Quincinetto-Aosta; gli accertamenti si concentrano sulle condizioni del manto stradale, su cui è stato rilevato molto ghiaccio: in base ai primi riscontri gli inquirenti tendono ad escludere responsabilità per i conducenti dei due mezzi. La giovane vittima era in vacanza in Valle d’Aosta con il gruppo parrocchiale di Canegrate (Milano); i veicoli – un pullman e sei minivan – erano diretti ad Aosta, dove erano in corso i festeggiamenti per il Capodanno e a bordo si trovavano poco più di 100 giovani del milanese.

Nel pomeriggio del 1 gennaio, infine, una donna è morta e altre persone sono rimaste ferite in un incidente avvenuto a Corbola (Rovigo), sulla strada provinciale 46. La vittima è Adriana Casellato, 77 anni, di Torino. La donna si trovava sul sedile posteriore di una ‘Giulietta’ che, per cause da chiarire, si è scontrata frontalmente con un”Opel Astra’.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Nazioni Unite: “Gaza è una polveriera che può innescare una guerra più ampia”

Il capo dei Diritti umani dell'Onu Volker Turk afferma che è essenziale evitare una conflagrazione del conflitto, che potrebbe avere ripercussioni sulla regione del Medio Oriente e oltre

DALLA CALABRIA

‘Ndrangheta, condannato a 20 anni un pentito accusato di aver ucciso il padre

Il gip di Vibo Valentia, Barbara Borelli, ha condannato a 20 anni di reclusione, con l'accusa di omicidio, occultamento...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)