3 Marzo 2024

Catturato il latitante di camorra Antonio Polverino [FOTO]

Correlati

Antonio Polverino
Antonio Polverino ripreso dai carabinieri poco prima del suo arresto

E’ stato catturato dai carabinieri in un casolare nelle campagne di Cassino, il latitante Antonio Polverino, 73enne di Marano di Napoli, ritenuto il “patriarca” dell’omonimo clan campano.

A scoprire il covo sono stati i militari della sezione “catturandi” del Nucleo investigativo di Napoli che, dopo una lunga attività investigativa, oggi hanno fatto irruzione arrestando l’uomo che era latitante da 6 anni.

I Carabinieri lo hanno bloccato in cucina. Nel rudere l’uomo era da solo. Quando li ha visti non ha proferito parola, né tentato di fuggire. Ha solo mostrato i suoi documenti.

Sposato, padre di 4 figli, soprannominato “Zio totonno”, Antonio Polverino si era reso “invisibile” dal 2011, quando riuscì a sfuggire ad un’ordinanza di custodia in carcere emessa dal Tribunale di Napoli per associazione di tipo mafioso.

Anche se da anni “alla macchia”, lontano da Marano di Napoli, la roccaforte del clan, boss e gregari sapevano come contattarlo per chiedergli il suo placet su tutte le decisioni importanti.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Genocidio dei palestinesi, Orsini: “Gaza e l’Olocausto”

di Alessandro Orsini su X "Gaza e l’Olocausto. Siccome nella scienza tutte le domande sono lecite, chiedo a voi: quale...

DALLA CALABRIA

Traffico e incendio di rifiuti tossici, due arresti nel reggino

I Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito stamane un’ordinanza di misura cautelare personale nei confronti di associazione...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)