Pg chiede 26 anni per Buzzi e Carminati: “C’era mafia”

In primo grado i due sono stati condannati a 19 e venti anni di carcere. La procura generale chiede ora il ripristino dell'aggravante mafiosa. Chiesti in tutto 430 anni di carcere


Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb
Salvatore Buzzi e Massimo Carminati
Salvatore Buzzi e Massimo Carminati

La Procura generale ha chiesto una condanna a 26 anni e mezzo nei confronti di Massimo Carminati e a 25 anni e 9 mesi per Salvatore Buzzi nell’ambito del processo di secondo grado al Mondo di mezzo. In primo grado Carminati e Buzzi sono stati condannati rispettivamente a 20 e a 19 anni di carcere per associazione a delinquere e detenuti dal dicembre del 2014, quando scattò la retata nell’ambito dell’inchiesta “Mafia Capitale”. In primo grado era stata tolta l’aggravante mafiosa.

Complessivamente il pg Antonio Sensale ha chiesto 430 anni. In totale sono 43 gli imputati. Oltre alle richieste di condanna a 26 anni e mezzo per Carminati e 25 anni e 9 mesi per Buzzi, il pg ha sollecitato, tra gli altri, 24 anni per Riccardo Brugia, 18 anni per Matteo Calvio, 17 anni e mezzo per Paolo Di Ninno, 16 anni e 10 mesi per Agostino Gaglianone, 18 anni e mezzo per Luca Gramazio, 17 anni per Alessandra Garrone, 14 anni e mezzo per Franco Panzironi.

La sentenza è prevista per settembre 2018. Sensale, nel corso della requisitoria ha chiesto inoltre di “ripristinare il 416 bis nelle forme pluriaggravate nelle quali viene contestato”. “Riteniamo sussistente l’aggravante mafiosa per le estorsioni e gli episodi corruttivi contestati”, ha aggiunto il procuratore generale.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb