7 Dicembre 2021

Piantagione di marijuana da 6 tonnellate scoperta tra i pomodori

Una serra con 15mila piante di cannabis, nascosta tra le coltivazioni di pomodorino di Vittoria, è stata scoperta dalla Polizia, grazie anche all'utilizzo di un drone

Stessa categoria

marijuana ragusa droneUna serra con 15mila piante di cannabis, nascosta tra le coltivazioni di pomodorino tipico del pomodorino di Vittoria, è stata scoperta dalla Polizia, grazie anche all’utilizzo di un drone. Personale della Squadra mobile di Ragusa e del Commissariato di Vittoria hanno sequestrato complessivamente 6mila chilogrammi di droga, per un valore stimato in diversi milioni di euro, e arrestato il ‘coltivatore’. Gli arbusti di cannabis di diverse dimensioni sono stati estirpati anche con l’utilizzo di una ruspa e trasportati nella Questura di Ragusa, in attesa di essere distrutti, grazie all’utilizzo di due tir.

La piantagione di ‘cannabis sativa’ era stata realizzata in serra su un’aria di oltre 3.500 metri quadrati. Sono in corso analisi sulla droga sequestrata per accertare la qualità ed il principio attivo al fine di poterne stimare l’esatto valore commerciale.

Durante l’operazione è stato arrestato Carmelo Gurrieri, di 53 anni, indagato per coltivazione di marijuana del tipo ‘cannabis sativa’, che è considerata quella con il maggiore principio stupefacente attivo. Le indagini erano state avviate dopo la segnalazione alla polizia che da alcune piantagioni proveniva un forte odore di marijuana. Per identificare la zona della coltivazione gli investigatori hanno utilizzato un drone.

Dopo aver individuato l’area, i poliziotti si sono appostati. L’arrestato aveva coltivato, lungo tutto il perimetro, pomodorini doc ragusani e fave, piante che raggiungo diversi metri d’altezza per “nascondere” quello che c’era all’interno. Prima di eseguire il sequestro i poliziotti hanno atteso l’arrivo del coltivatore: Guerrieri è stato arrestato mentre irrigava le piante. L’uomo ha ammesso le proprie responsabilità, ma senza fornire alcun dettaglio sui probabili complici. In un caseggiato presente nell’area veniva effettuata l’essiccazione e al suo interno erano custoditi i fertilizzanti utilizzati per favorire la crescita delle piante. Gli arbusti, circa 15.000, avevano un’altezza compresa i 50 ed i 150 centimetri, con ‘picchi’ di quasi 2 metri. L’arrestato è stato condotto in carcere a disposizione della Procura di Ragusa


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER