Tratta di migranti e traffico d’armi per jihadisti, 17 arresti

Blitz dei carabinieri su mandato della Dda di Palermo. Il gruppo aveva rapporti con Cosa nostra, a cui vendeva armi, e con un gruppo paramilitare albanese legato all'Isis

Carlomagno Jeep Compass Febbraio 2021

carabinieri Gis antiterrorismoI Carabinieri del Nucleo Informativo di Palermo hanno fermato, su disposizione della Dda, 17 persone accusate, a vario titolo, di associazione per delinquere transnazionale finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, al traffico di armi da guerra e al riciclaggio di diamanti, oro e denaro contante.

L’organizzazione criminale aveva rapporti con Cosa nostra, a cui vendeva armi, e col gruppo paramilitare albanese Nuovo UCK, legato ad ambienti jihadisti. L’organizzazione gestiva i viaggi dei migranti sulla rotta balcanica. Attraverso l’Italia, decine di persone, grazie alla banda, hanno cercato di raggiungere la Svizzera e il nord Europa.

La struttura criminale, che faceva capo ad indagati residenti a Palermo, ha sviluppato la sua operatività anche nelle provincie di Sondrio, Como, Pordenone e Siena, oltre che in Svizzera, Germania, Macedonia e Kosovo. I particolari del blitz verranno illustrati alle 10.30 nel corso di una conferenza stampa organizzata alla caserma Carini, sede del Comando provinciale dei carabinieri

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb
Seguici anche su TELEGRAM