26 Febbraio 2024

Omicidio 16enne, confessa un coetaneo. Ucciso con arma del padre

Il delitto di Giuseppe Balboni, nel Bolognese. "Sono stato io, lui ce l’aveva con me, ho avuto paura e ho preso la pistola". Giovane colpito in volto da due proiettili

Correlati

Giuseppe Balboni
la giovane vittima, Giuseppe Balboni

Un ragazzo di 17 anni ha confessato nel corso di un interrogatorio l’omicidio di Giuseppe Balboni, il sedicenne trovato morto in un pozzo a Tiola di Castello di Serravalle, nel Bolognese. La Procura per i minorenni di Bologna emetterà un provvedimento di fermo con l’accusa di omicidio.

Per sparare a Balboni il minorenne accusato del delitto ha utilizzato la pistola del padre. Per gli inquirenti non è tuttavia ancora chiaro il movente. Il killer lo avrebbe atteso sotto casa per quello che doveva essere un “chiarimento”. “Sono stato io, lui ce l’aveva con me, ho avuto paura e ho preso la pistola”, ha detto in lacrime il diciassettenne.

Il corpo del giovane, scomparso da lunedì 17 settembre, è stato trovato in tarda mattinata: era in un pozzo profondo circa tre metri con un’apertura molto piccola che ne ha reso complesso il recupero. Per l’operazione sono stati impiegati anche sommozzatori. Secondo le prime informazioni del sopralluogo del medico legale, Balboni avrebbe una o due ferite compatibili con colpi d’arma da fuoco.

Il ragazzo era scomparso da otto giorni e impegnati nelle ricerche erano i carabinieri e i vigili del fuoco. All’alba di lunedì mattina era uscito di casa e da allora non se ne avevano più notizie. Era stato ritrovato il suo scooter rosso, in sella al quale si era allontanato, proprio a Castello di Serravalle, in provincia di Bologna. Il mezzo era nei pressi di una fontana, coperto da foglie. I genitori avevano fornito informazioni lanciando un appello per ritrovare il ragazzo anche sui social.

Effettuata mercoledì l’autopsia sul corpo di Giuseppe Balboni. Dall’esame del medico legale è emerso che il giovane è stato colpito da due colpi di pistola in pieno volto da distanza ravvicinata. La morte del sedicenne è stata pressoché immediata. Prevista per la giornata di giovedi 27 settembre l’udienza di convalida del fermo.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Si vota per le regionali in Sardegna, 1,4 milioni gli elettori chiamati alle urne

Urne aperte dalle 6.30 di oggi 25 febbraio in Sardegna per le elezioni regionali. Cominciano le operazioni di voto...

DALLA CALABRIA

Scrontro frontale nel crotonese, due morti e due feriti gravi

Due giovani, un ragazzo e una ragazza sono morti e due sono feriti gravemente feriti in un incidente stradale...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)