27 Settembre 2022

Autobomba contro convoglio italiano in Somalia, uccisi 4 bambini

Correlati

Autobomba contro convoglio italiano in Somalia, uccisi 4 bambini
Ansa/Ap

Sarebbe di 4 bambini morti il bilancio di un attentato contro un convoglio dell’esercito italiano in Somalia, dove i nostri soldati sono in missione a sostegno dell’esercito locale e della popolazione somala.

Dall’attacco, compiuto con un’autobomba kamikaze che è stata lanciata contro i mezzi militari, sono usciti illesi i soldati, ma secondo fonti citati dai media, ha fatto danni “collaterali” uccidendo i civili. Si parla di quattro bimbi somali dilaniati dall’esplosione.

L’attentato è stato rivendicato dal gruppo terroristico Al Shabaab. Dopo anni senza incidenti per le missioni italiane “fuori area”, la notizia proveniente da Mogadiscio riporta inaspettatamente indietro nel tempo, a quando gli ordigni contro i militari italiani – in Iraq e in Afghanistan – erano all’ordine del giorno.

L’esplosione, secondo la ricostruzione dello Stato maggiore della Difesa, è avvenuta alle 12.10 locali, a 700 metri circa dal ministero della Difesa somalo. La deflagrazione ha investito un veicolo blindato Lince, appartenente ad un convoglio di cinque mezzi italiani.

Autobomba contro convoglio italiano in Somalia, uccisi 4 bambini
Ansa/Ap

I militari stavano tornano da un’attività addestrativa a favore delle Forze di sicurezza somale, che è il focus della missione europea Eutm, finalizzata al rafforzamento del Governo federale di transizione, attraverso la consulenza militare a livello strategico alle istituzioni di difesa somale e l’addestramento militare. “Nessun militare italiano è rimasto ferito nell’evento. Il mezzo, con a bordo quattro militari, è stato lievemente danneggiato ed è rientrato alla base”, afferma la Difesa.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Spari in una scuola in Russia, 15 morti tra cui 11 bimbi. 24 feriti. Il Cremlino: “Forse un neonazista”

Si aggrava il bilancio delle vittime della sparatoria nella scuola di Izhevsk, salito a 15 morti, tra cui 11...

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER