23 Gennaio 2022

Weinstein, attrice lo accusava ma era “sesso consenziente”

Cominciano a cadere le accuse di stupro per il produttore di Hollywood. Ad incastrare Lucia Evans un messaggio sul suo Pc nel quale confessava il rapporto consensuale

Stessa categoria

Harvey Weinstein in aula
Harvey Weinstein in aula (Ansa/Epa)

Cadono alcune accuse contro Harvey Weinstein, il produttore cinematografico accusato da più attrici di molestie sessuali. Il giudice respinge il caso di una delle tre accusatrici, Lucia Evans, la quale sosteneva che nel 2004 l’ex re di Hollywood l’aveva costretta a sesso orale.

Secondo indiscrezioni riportate dal New York Post, invece, i rapporti sarebbero stati consensuali. Ad incastrare la donna un messaggio sul suo computer nel quale diceva appunto che il rapporto era stato consensuale. Evans è uno dei tre casi perseguiti contro Weinstein dall’ufficio del procuratore generale di Manhattan.

L’attrice è stata una delle prime a denunciare le presunte molestie del produttore. La Evans denunciò di essere stata invitata da Weinstein nell’ufficio di Tribeca dove sarebbe stata poi costretta a praticare del sesso orale al potente produttore durante una riunione di lavoro nel 2004. Cosa che non era vera.

Ad accusare il produttore una settantina di donne che poi hanno costituito il cosiddetto movimento #meetoo, tra cui l’attrice italiana Asia Argento che ha denunciato venti anni dopo di essere stata stuprata da Weinstein. Secondo i media internazionali che hanno riportato di una sua intervista, l’attrice avrebbe fatto come la Evans: “sesso orale”.

Lucia Evans
Lucia Evans

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Si sottopone alla prima dose e muore poche ore dopo

Un web designer 54enne contrario al siero è stato costretto a inocularsi dopo l'obbligo per gli over cinquanta varato dal governo. I medici parlano di arresto cardiaco, ma la famiglia denuncia: "Ora vogliamo verità e giustizia". Disposta l'autopsia

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER