Mafia, sequestrato impero da 1,5 miliardi a eredi del patron Valtur Patti

La Dia svela gli interessi tra il noto imprenditore defunto e la famiglia mafiosa di Castelvetrano, guidata dal latitante Matteo Messina Denaro

Carlomagno campagna novembre 2018

Mafia, sequestrato impero da 1,5 miliardi a eredi del patron Valtur Patti La Direzione investigativa antimafia di Palermo sta eseguendo un decreto di sequestro e confisca, emesso dal Tribunale di Trapani su proposta del direttore nazionale della Dia nei confronti degli eredi dell’imprenditore Carmelo Patti, originario di Castelvetrano (Trapani) ex proprietario della Valtur (ora in amministrazione straordinaria), deceduto il 25 gennaio 2016.

Il procedimento – che la Dia definisce “uno dei più rilevanti nella storia giudiziaria italiana” – ha riguardato un patrimonio stimato, per ora, prudenzialmente in oltre un miliardo e mezzo di euro e ha disvelato interessi economici riferibili alla famiglia mafiosa di Castelvetrano, guidata dal latitante Matteo Messina Denaro.

Sigilli anche a strutture ricettive in Calabria: a Isola Capo Rizzuto e Crotone. I dettagli dell’operazione verranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 10.30, nel Centro operativo Dia di Palermo, in via Stazione di San Lorenzo 1, alla presenza del direttore della Dia Giuseppe Governale.