1 Marzo 2024

Attentato a Strasburgo, gravissimo un giornalista italiano

Antonio Megalizzi è stato ferito da un proiettile alla testa della sparatoria nella città francese. Lotta in queste ore tra la vita e la morte

Correlati

Antonio Megalizzi
Antonio Megalizzi

Tra i feriti nell’attentato al mercatino di Natale a Strasburgo c’è anche un italiano, un giornalista radiofonico, Antonio Megalizzi, 29enne di Trento. Le sue condizioni sono gravissime dopo essere stato ferito alla testa da un proiettile durante la sparatoria dell’algerino Cherif Chekatt in cui sono rimaste uccise “tre” persone e ferite diverse persone, di cui almeno tre gravi. Il nostro connazionale, apprende l’Ansa da fonti qualificate, lotta in queste ore tra la vita e la morte nell’ospedale dove è ricoverato.

La Procura di Roma ha intanto aperto un fascicolo di indagine per ciò che è successo in Francia. Nell’inchiesta si ipotizzano i reati di strage e attentato con finalità di terrorismo.

I familiari di Antonio appena appresa la tragica notizia sono partiti di notte da Trento per Strasburgo. Nella città francese sono giunti il papà Domenico, la mamma Annamaria e la sorella, assieme alla fidanzata del giovane.

giornalista Antonio Megalizzi
Il giornalista Antonio Megalizzi

“Ci hanno detto che Antonio è stato colpito alla testa da un proiettile sparato da quel delinquente. Le due ragazze che erano con lui (la trentina Caterina Moser e Clara Stevanato, veneta e residente a Parigi, ndr) ce l’hanno fatta a scappare, rifugiandosi poi in un locale pubblico. Hanno perso di vista Antonio, perché lui è rimasto a terra”. Lo ha detto Danilo Moresco, presidente dei ristoratori del Trentino nonché padre della fidanzata di Antonio Megalizzi.

Caccia all’uomo per catturare Cherif Chekatt
Intanto, prosegue la caccia all’uomo da parte delle forze speciali francesi. Il killer, identificato come Cherif Chekatt, 29 anni, di origini nordafricane ma nato a Strasburgo, era finito già in carcere in passato per aggressione. In seguito era stato segnalato come elemento “radicalizzato” allo Stato islamico e come minaccia per la sicurezza nazionale.

Per prenderlo la polizia ha messo in piedi una caccia all’uomo imponente. Blindato il centro storico dove nessuno è stato fatto più entrare, solo uscire. Pattugliate palmo a palmo le strade, anche con un elicottero.

Le autorità francesi hanno trovato del materiale esplosivo nell’abitazione dell’attentatore. La scoperta è stata fatta durante una perquisizione della casa poche ore prima dell’attacco. Le forze dell’ordine è stato detto dalle autorità senza fornire ulteriori dettagli, erano andate nella casa per arrestare l’uomo.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Da Israele nuovo massacro a Gaza. Uccisi oltre cento palestinesi in coda per il cibo

Nuova carneficina dell'esercito israeliano nella Striscia di Gaza. Oltre cento palestinesi sono stati uccisi mentre erano in fila per...

DALLA CALABRIA

Traffico di rifiuti speciali tra Italia e Tunisia, numerosi arresti

Dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, personale della Direzione investigativa antimafia e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)