31 Gennaio 2023

Battisti, Conte sente Bolsonaro. E’ fatta. Bolivia lo consegna all’Italia

Correlati

Cesare Battisti dopo arresto
Cesare Battisti dopo l’arresto

L’ex terrorista Cesare Battisti, la cui latitanza è finita sabato in Bolivia “rientrerà in Italia nelle prossime ore, con un volo in partenza da Santa Cruz e diretto a Roma”. Lo assicura il premier italiano Giuseppe Conte che domenica pomeriggio ha sentito al telefono il Presidente del Brasile, Jair Bolsonaro.

Cesare Battisti, secondo accordi del governo italiano con le autorità sudamericane sarà probabilmente in Italia già lunedì pomeriggio. Ad attenderlo il carcere a vita, garantisce il ministro della Giustizia Bonafede, mentre il vicepremier Matteo Salvini afferma che dovrà stare in cella fino all’ultimo dei suoi giorni.

La Bolivia: “Battisti verrà consegnato ad autorità italiane” – “Cesare Battisti è entrato illegalmente in Bolivia, sarà immediatamente espulso e nelle prossime ore sarà consegnato dall’Interpol Bolivia alla controparte italiana all’aeroporto internazionale Viru Viru”, a Santa Cruz, il principale aeroporto internazionale del Paese”. Lo ha reso noto in una conferenza stampa il ministro dell’Interno del governo Morales, Carlos Romero.

“Ho voluto ringraziare a nome di tutto il governo italiano – fa sapere il presidente del Consiglio Conte – per l’efficace collaborazione che ha portato alla cattura di Battisti”. “E allo stesso modo ringrazio le autorità boliviane. È un grazie – spiega – con il quale sento di interpretare anche il sentimento delle famiglie delle vittime e di tutti coloro che chiedevano fosse fatta giustizia. Siamo soddisfatti di questo risultato che il nostro Paese sta aspettando da troppi anni”, conclude.

Viene quindi smentita la notizia circolata sui media che l’ex terrorista comunista dovesse prima far rientro in Brasile per poi essere estradato. Un aereo del governo italiano con uomini dell’Aise – l’intelligence dell’estero e il cui contributo è stato fondamentale per arrivare all’arresto di Battisti – e investigatori della Polizia ha già raggiunto la Bolivia per prelevarlo.

L’uomo, 64 anni, condannato in contumacia all’ergastolo per una serie di omicidi, è stato arrestato alle ore 17 di sabato (le 22 in Italia) mentre camminava in una strada di Santa Cruz de La Sierra, nell’entroterra boliviano.

Alla vista delle forze di sicurezza, secondo quanto riportano alcuni media, non ha tentato la fuga, mentre agli agenti ha risposto in portoghese. Il ricercato è stato portato in caserma. La svolta per la cattura è arrivata dalle  intercettazioni nelle indagini coordinate dalla procura generale di Milano. Soddisfazione per l’arresto di Battisti è stata espressa dal capo dello Stato Sergio Mattarella.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Messina Denaro, perquisita la casa dell’ex amante del boss

Perquisite le abitazioni di Maria Mesi e del fratello Francesco, già coinvolti in una inchiesta perché ritenuti fiancheggiatori del capomafia

DALLA CALABRIA

Elezioni provinciali a Vibo, L’Andolina (centrodestra) è il nuovo presidente

Il sindaco di Zambrone - nelle elezioni in cui partecipano solo amministratori e consiglieri comunali -, è stato eletto con il 57,65% dei voti, battendo il candidato del centrosinistra, sostenuto anche dal Terzo polo, Giuseppe Condello, sindaco di San Nicola da Crissa, che si è fermato al 42,35%.

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER