22 Febbraio 2024

Sea Watch, i politici di sinistra salgono sulla nave ma nessuno se li fila

Correlati

Sea Watch Siracusa Alcuni politici italiani forzando le leggi dello stato e i regolamenti delle capitanerie di porto sono riusciti a salire sulla Sea Watch dove a bordo vi sono 47 migranti. L’equipaggio, dopo che la nave dell’omonima Ong olandese è stata rifiutata e respinta da più paesi, tra cui Malta e la stessa Olanda, sta facendo pressioni sull’Italia e si è avvicinata al largo di Siracusa con il pretesto, ormai collaudato, del maltempo del tanto reclamato buonismo umanitarismo.

Potrebbe andare in Olanda, la nave di bandiera. Del resto fanno notare dal Viminale il natante batte bandiera olandese. Ma anche l’Olanda ha decisamente respinto i suoi fratelli: “Riportateli in Libia dove li avete prelevati”, sostengono i connazionali della Sea Watch.

La posizione del governo italiano è “no” anche stavolta. Porti chiusi, ribadisce Salvini. Ambienti parlamentari, ma anche giudiziari, parlano di insistenti contatti tra le Ong e i trafficanti di migranti. Ma dalla maggioranza arriva un secco: “E’ finito il business. E abbiamo le prove”.

A salire sull’imbarcazione sono stati il segretario di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni, e i deputati Riccardo Magi di +Europa e Stefania Prestigiacomo, di Forza Italia. Proprio lei, ex ministro dell’Ambiente di uno dei governi Berlusconi, in possesso di patente nautica, si è messa alla guida di un gommone; a bordo, gli altri due esponenti politici, il sindaco di Siracusa, Francesco Italia, un legale e un medico. Insieme hanno raggiunto la nave della ong da tre giorni ormeggiata in rada, davanti a Siracusa, con 47 migranti e sono saliti sull’imbarcazione.

“Abbiamo fatto un blitz – annuncia Fratoianni – utilizzando un gommone. Con noi ci sono anche un avvocato e uno psicologo”. Alcuni migranti hanno mostrato ai politici i segni delle torture subite in Libia.

Pronta la reazione del ministro dell’Interno, Salvini: “Non rispettano le leggi e favoriscono l’immigrazione clandestina”. “E’ illegale impedire un’ispezione”, hanno risposto loro, affermando che questo genere di attività è “prerogativa costituzionale dei parlamentari”.

“Il governo italiano – ha detto il vicepremier Luigi Di Maio a ‘Non è l’Arena su La7 – è impegnato in queste ore a produrre con le autorità tutte le informazioni con la magistratura affinché si possa sequestrare l’imbarcazione. Siamo anche impegnati a far arrivare in Olanda queste persone. Io non sono per registrare coloro che sbarcano in Italia, se le registra il governo olandese. Se poi la nave non è olandese, il governo ce lo deve dire ma su questo sta avendo un atteggiamento ambiguo”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Terrorismo, perquisizioni in Italia nella rete dell’attentatore di Bruxelles

Le abitazioni di diciotto immigrati nordafricani sono state perquisite dal Ros dei carabinieri e da agenti della Digos di...

DALLA CALABRIA

In casa custodisce due kg di droga, scoperto e arrestato

Un 39enne di Mesoraca (Crotone), è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di detenzione di sostanze stupefacenti. I militari della...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)