Preso ad Acerra un algerino dell’Isis, si nascondeva in un casolare

Carlomagno campagna Fiat Marzo 2019

algerino isis acerraLa Polizia di Stato di Caserta ha arrestato un cittadino algerino di 45 anni, ricercato in campo internazionale poiché colpito da mandato di cattura emesso dal Tribunale di Constantine (Algeria) per partecipazione a organizzazione terroristica.

Lo straniero aveva lasciato l’Algeria nel 2014 per raggiungere la Siria e unirsi alle milizie dello Stato Islamico. L’uomo è stato bloccato dalla Digos di Caserta all’interno di un piccolo rudere nel Comune di Acerra, in provincia di Napoli.

Lui è un 45enne algerino accusato di partecipazione ad organizzazione terroristica, perché nel 2014 aveva lasciato il suo Paese per raggiungere la Siria ed unirsi alle milizie dello Stato islamico, ormai quasi dissolto.

Il foreign fighter, di ritorno, era stato già residente nella zona, con regolare permesso di soggiorno, dal 2003 al 2012, ed era conosciuto dagli investigatori del Servizio per il contrasto al terrorismo esterno della Direzione centrale della polizia di prevenzione; l’uomo era stato infatti segnalato nel 2016 dall’Agenzia informazioni e sicurezza interna e dall’Interpol, in una lista di combattenti partiti per unirsi ai gruppi jihadisti operanti nel teatro siro-iracheno.

“Grazie alle Forze dell’Ordine! Non diamo tregua ai criminali”, ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini a proposito dell’operazione antiterrorismo da poco conclusasi in Campania.