27 Febbraio 2024

Terrore sul Bus, resta in carcere l’autista stragista Ousseynou Sy

Il senegalese che ha dato fuoco al pullman con 51 ragazzini voleva un massacro. "Lo rifarei cento volte". Contestati il reato di strage aggravata dalla finalità terroristica

Correlati

Terrore sul Bus, resta in carcere l'autista stragista Ousseynou SyResta in carcere Ousseynou Sy, l’autista senegalese che alcuni giorni fa ha sequestrato un bus con 51 ragazzini e gli ha dato fuoco. Lo ha deciso il gip di Milano Tommaso Perna che ha convalidato l’arresto e disposto la custodia cautelare.

Il gip – si legge nell’ordinanza di custodia cautelare – ha stabilito che il dirottamento del bus con 51 bambini, al quale poi Ousseynou Sy ha dato fuoco, configura il reato di strage aggravata dalla finalità terroristica.

Confermati anche gli altri reati di sequestro di persona, resistenza e incendio contestati dal capo del pool dell’Antiterrorismo milanese Alberto Nobili e dal pm Luca Poniz. L’uomo nel corso dell’interrogatorio non aveva fatto trapelare alcun segno di pentimento. “Lo rifarei cento volte”, avrebbe riferito.

I pm hanno chiesto la custodia in carcere perché Ousseynou Sy potrebbe reiterare i reati. Nelle sue intenzioni Sy voleva andare a Linate, facendosi scudo dei bambini, per “prendere un aereo per l’Africa”. Nelle sue farneticanti dichiarazioni ha spiegato che lo ha fatto per vendicare i morti di migranti nel Mediterraneo.

L’uomo raccolse la scolaresca a Crema e nel corso del viaggio è andato in escandescenza proferendo frasi sconnesse. Poi ha preso un coltello, secondo i giovanissimi testimoni anche una pistola, e ha iniziato a minacciarli, alcuni dei quali facendoli legare dai prof con delle fascette elettriche. Infine ha cosparso il mezzo con della benzina proseguendo nel suo folle viaggio.

Alcuni ragazzini sul bus, di nascosto, sono fortunatamente riusciti ad allertare i carabinieri e dopo un lungo e drammatico inseguimento, con l’autista che diceva di non sparare al bus perché pieno di gasolio, si è fermato e gli ha dato fuoco con un accendino. I militari colta la drammaticità degli eventi hanno rotto i finestrini posteriori e hanno fatto evacuare il pullman salvando i ragazzi e arrestando l’autista.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Stoltenberg smentisce Macron: “La NATO non ha intenzione di inviare truppe in Ucraina”

Il presidente francese non aveva escluso questa ipotesi. Ira di Le Pen. Contrari i paesi dell'Est. Il primo ministro slovacco Robert Fico aveva dichiarato che alcuni membri dell’UE e dell'Alleanza atlantica stanno valutando la possibilità di inviare truppe militari nel paese di Zelensky sulla base degli accordi bilaterali con Kiev. Mosca osserva

DALLA CALABRIA

Truffa e peculato, interdette 4 persone, tra cui un medico e 2 infermieri

Operazione di carabinieri e finanzieri. Coinvolto anche un imprenditore del cosentino. Secondo la procura di Catanzaro avrebbero sottratto dispositivi medici e farmaci all'azienda ospedaliero universitaria "Dulbecco" per scopi privati

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)