Clamorosa evasione dal carcere di Carinola, caccia a due detenuti albanesi

Sono riusciti a beffare le guardie e a "guadagnare" la libertà nel più classico delle evasioni: ossia, segando le sbarre e calandosi con delle lenzuola all'esterno del penitenziario.

Carlomagno campagna Fiat Tipo Maggio 2019

Clamorosa evasione dal carcere di Carinola, nel casertano, dove nella notte due detenuti albanesi sono riusciti a beffare e i sistemi di sorveglianza e “guadagnare” la libertà nel più classico delle evasioni: ossia, segando le sbarre e calandosi con delle lenzuola all’esterno del penitenziario.

I due, Adriatik Geka e Ervis Markja, di 26 e 29 anni, sono riusciti a dileguarsi nella penombra e sotto un diluvio. Solo qualche ora dopo è scattato l’allarme e adesso è caccia all’uomo in tutto il Casertano.

Il primo intervento sul posto è stato dei carabinieri, ma ora anche agenti della Polizia di Stato e di quella Penitenziaria, sono coinvolti nelle ricerche. Imponente il dispositivo delle forze dell’ordine che hanno allestito posti di blocco nel circondario di Carinola e in tutta la provincia. Non è dato sapere al momento come sia stato possibile che i due detenuti siano riusciti a eludere la sorveglianza.

Appena una settimana fa, dal carcere di Cosenza, era evaso un ragazzo del Mali,  Amadou Coulibaly, che ha sfruttato “l’ora d’aria” per arrampicarsi sul tetto di un deposito interno alla casa circondariale e saltare all’esterno da un muro di cinta alto sei metri. La polizia penitenziaria con le altre forze dell’ordine lo hanno poi rintracciato e catturato in serata nel centro storico.