Clamorosa evasione dal carcere minorile di Nisida (Napoli)

I detenuti, due nordafricani, sono riusciti a fuggire nella notte, ancora non è chiaro come. Il Sindacato della Polizia penitenziaria Sappe parla di "evasione prevedibile".

Carlomagno campagna Jeep Renegade ottobre 2019
Una panoramica dell’isola di Nisida

Clamorosa evasione di due detenuti stranieri dal carcere minorile di Nisida, dell’arcipelago delle isole Flegree (Napoli). I detenuti, due nordafricani, sono riusciti a fuggire nella notte, ancora non è chiaro come. Il Sindacato della Polizia penitenziaria Sappe parla di “evasione prevedibile”.

“Ė già in atto una ispezione dipartimentale per ricostruire il grave evento. Ora è importante assicurare al più presto alla giustizia i due fuggitivi, ma è evidente che una riflessione seria deve essere fatta sul sistema generale della giustizia minorile”, denunciano Donato Capece, segretario generale del sindacato, ed Emilio Fattorello, segretario per la Campania.

“E’ una evasione frutto della superficialità con cui sono state trattate e gestite le molte denunce fatte dal Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria sulle condizioni di sicurezza”, spiega in un lungo intervento Capece che denuncia la carenza di organico e di sicurezza nei penitenziari italiani.

“Auspico che il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ed i vertici della Giustizia Minorile e dell’Amministrazione Penitenziaria si attivino concretamente per dare un netto cambio di passo sulle politiche penitenziarie del Paese. Nelle carceri c’è ancora tanto da fare: ma senza abbassare l’asticella della sicurezza e della vigilanza, senza le quali ogni attività trattamentale è fine a se stessa e, dunque, non organica a realizzare un percorso di vera rieducazione del reo”, conclude la nota del Sappe.