Camorra, maxi blitz in Italia e all’estero: 126 arresti e sequestri per 130 milioni

Smantellati dal Ros e dai Carabinieri di Napoli i clan Contini, Mallardo e Licciardi, facenti parte della cosiddetta "alleanza di Secondigliano"

Carlomagno campagna Fiat Tipo settembre 2019

I carabinieri del Ros e del comando provinciale di Napoli hanno arrestato 126 affiliati ai clan Contini, Mallardo e Licciardi, facenti parte della cosiddetta “alleanza di Secondigliano”. La maxi-operazione anticamorra ha interessato non solo la provincia di Napoli e altre località del territorio nazionale, ma anche diversi stati esteri, dove i carabinieri – tramite Interpol – si sono avvalsi della collaborazione delle locali forze di polizia.

Le indagini, coordinate dalla DDA di Napoli, si sono avvalse del contributo investigativo anche della Polizia di Stato e della Dia ed hanno portato alla contestazione agli indagati di numerosi reati che vanno dall’associazione di tipo mafioso al traffico di sostanze stupefacenti, all’estorsione, all’usura, al riciclaggio ed altri gravi reati. Contestualmente la Guardia di finanza ha sottoposto a sequestro l’ingente patrimonio illecitamente accumulato dai clan, per un valore di circa 130 milioni di euro.

Di fatto sono stati ricostruiti gli assetti gerarchici interni all’alleanza di Secondigliano e sono stati documentati i numerosi reati commessi dagli affiliati, indicatori della pervicace capacità di intimidazione esercitata sul territorio e, in alcuni casi, anche di ingerenza all’interno di strutture pubbliche.

Il procuratore capo Giovanni Melillo, con i vertici della polizia giudiziaria, in mattinata terrà una conferenza in Procura a Napoli