Terrorismo, arrestato un foreign fighter italo-marocchino

Carlomagno Jeep Compass Sett. 2020 Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb
Inneggiavano a Daesh, espulsi 5 macedoni a Gorizia
Miliziani di Daesh

Un foreign fighter italo-marocchino, Samir Bougana, è stato arrestato in Siria dalla Polizia nell’ambito di un’indagine coordinata dalla procura di Brescia dal 2015. L’uomo è già in Italia, arrivato ieri sera dalla Siria.

A riportare in Italia il 25enne c’erano i vertici della Digos di Brescia che hanno condotto l’indagine. Il giovane, nato a Gavardo, nel Bresciano ha vissuto in Italia fino a 16 anni soprattutto nelle province di Mantova e Cremona. Poi il trasferimento con la famiglia in Germania.

Nei confronti del 25enne, che ha combattuto prima con le milizie vicine ad Al Qaeda e successivamente con l’Isis, pendeva un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per partecipazione ad associazione con finalità di terrorismo.

L’italo-marocchino aveva raggiunto i teatri di guerra nel 2013 partendo dalla Germania, dove si era trasferito e dove si era radicalizzato entrando a contatto con ambienti integralisti islamici.

E sono state proprio le autorità tedesche ad inviare una segnalazione all’Antiterrorismo della Polizia: gli agenti di Berlino avevano iniziato infatti ad indagare sulla moglie di Bougana, una donna di origine turca che si era trasferita anche lei in Siria.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb