1 Ottobre 2022

Sea Watch sperona motovedetta Gdf, comandante arrestata: sbarcati i migranti

Salvini: "Comportamento criminale della comandante della Sea Watch, che ha messo a rischio la vita dei finanzieri".

Correlati

La comandante della Sea Watch arrestata Carola Rackete (Ansa)

La comandante della nave Sea Watch, Carola Rackete, è stata arrestata all’alba per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, tentato naufragio e violazione dell’Articolo 1100 del codice della navigazione: resistenza o violenza contro nave da guerra, un reato che prevede una pena dai tre ai 10 anni di reclusione.

L’arresto è avvenuto contestualmente allo sbarco dei 40 migranti a Lampedusa dopo che la comandante aveva forzato nei giorni scorsi il divieto di ingresso in acque italiane e per questo ieri iscritta nel registro degli indagati dalla procura di Agrigento per i reati citati.

La comandante ha speronato una motovedetta delle Fiamme Gialle nel tentativo di arrivare in banchina. All’arrivo in porto, la quarantina di clandestini a bordo sono sbarcati, la donna arrestata, mentre gli uomini della Guardia di Finanza e della Polizia hanno sequestrato l’imbarcazione.

“Comportamento criminale della comandante della Sea Watch, che ha messo a rischio la vita degli agenti della Guardia di Finanza. Ha fatto tutto questo con dei parlamentari a bordo tra cui l’ex ministro dei trasporti: incredibile”, ha commentato il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

E’ stato il comandante della tenenza di Lampedusa delle Fiamme Gialle, luogotenente Antonino Gianno, a prelevare personalmente la comandante a bordo della Sea Watch con l’ausilio di altri 4 finanzieri. I militari le hanno notificato in caserma il verbale di arresto. La comandante della Sea Watch potrebbe adesso essere trasferita nel carcere di Agrigento in attesa delle decisioni della Procura di Agrigento che coordina l’inchiesta.

La nave della ong tedesca, ma con bandiera olandese, era da quindici giorni al largo. Ha prelevato i clandestini in Libia per dirigersi direttamente in Italia. Negli ultimi giorni ha forzato l’alt intimato dalla guardia di finanza e stamane ha fatto rotta in porto speronando la nave dei finanzieri. I migranti, dopo l’identificazione, dovrebbero andare in vari paesi europei tranne che in Olanda, paese bandiera della nave, che aveva fatto sapere di non prendere nemmeno un immigrato.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

“Mondo di Mezzo”, la Cassazione condanna in via definitiva Buzzi e Carminati

La sentenza ieri sera. I supremi giudici della Seconda sezione penale della Suprema Corte hanno convalidato in via definitiva le condanne a dieci anni per Carminati e a 12 anni e dieci mesi per Buzzi. L'ex ras delle cooperative dopo la pronuncia dei giudici è stato arrestato dai Carabinieri del Ros in Calabria. Deve espiare la pena residua di 7 anni e 3 mesi. Carminati è già in carcere.

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER