Scandalo Bibbiano, 4 bambini riaffidati alle famiglie. Salvini annuncia inchiesta

Lo ha deciso il tribunale per i Minorenni di Bologna a seguito degli illeciti da parte dei servizi sociali della Val d'Enza che aveva "scippato" i figli a nuclei disagiati affidandoli ad associazioni

Carlomagno Faro istituzionale

tribunale aula toga

Bibbiano (Reggio Emilia) – Quattro dei sette bambini coinvolti nell’inchiesta ‘Angeli e Demoni’, sugli affidi, della Procura di Reggio Emilia, sono tornati a vivere con i genitori naturali.

La decisione del tribunale per i Minorenni di Bologna, a quanto si apprende, non è recentissima ed è emersa nelle verifiche e nei controlli avviati dagli uffici giudiziari minorili su segnalazione della Procura reggiana di anomalie e illeciti da parte dei servizi sociali della Val d’Enza.

Salvini a Bibbiano: “Entro agosto Commissione d’inchiesta sugli affidi illeciti”

“Entro i primi di agosto verrà approvata la proposta della Lega sulla commissione d’inchiesta delle Case famiglia”. Lo ha annunciato dalla piazza del municipio di Bibbiano, paese finito al centro dell’inchiesta sugli affidi illeciti, il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

“Andremo fino in fondo, non solo sui 10mila bambini portati via alle famiglie in Emilia-Romagna, ma in tutta Italia. E’ una vergogna che ci sia chi fa business persino sulla pelle dei bambini”, ha aggiunto.

“Invito chiunque sia a conoscenza di altri abusi, ovunque in Italia, di segnalarli al ministero dell’Interno, se vuole anche dietro anonimato e faremo tutte le verifiche del caso”, è l’appello rivolto dal ministro dell’Interno dalla piazza di Bibbiano, paese al centro dello scandalo sui presunti affidi illeciti. Il vicepremier chiede dunque di rivolgersi al Viminale, per evitare il ripetersi di situazioni simili. “Non avrò pace finchè l’ultimo bambino sottratto ingiustamente alla propria famiglia non tornerà a casa da mamma e papà”, ha detto il vicepremier.