Schianto contro un albero dopo la discoteca, morti tre giovani

Strage a Ferrara. Il guidatore, ubriaco, è indagato per omicidio stradale plurimo. Dalle analisi, aveva un tasso alcolemico superiore ai limiti di legge

Carlomagno campagna Jeep Compass Ottobre 2019
Le vittime da sinistra: Giulio Nali, Miriam Berselli e Manuel Signorini (Ansa)

Tre giovani tra i 21 e i 29 anni sono morti dopo che l’auto con cui tornavano da una discoteca si è schiantata contro un albero. L’incidente è avvenuto attorno alle 2.30 a Vigarano Mainarda, in provincia di Ferrara. Un quarto ragazzo che era alla guida del mezzo è rimasto ferito.

Il guidatore, secondo quanto riporta l’agenzia Ansa, sarebbe stato ubriaco ed ora è indagato per omicidio stradale plurimo. Dalle analisi, aveva un tasso alcolemico di 1,30, sensibilmente superiore ai limiti di legge. E’ ricoverato in ospedale, ma le sue condizioni non appaiono gravi.

I ragazzi stavano tornando da un locale quando, stando ai primi rilievi, il giovane che era alla guida, all’altezza di un rettilineo, ha perso il controllo dell’auto che è finita fuori strada per poi schiantarsi contro uno dei platani al bordo della carreggiata.

Nessun altro veicolo è stato coinvolto nell’incidente. Il pubblico ministero di turno, dopo i rilievi delle forze di polizia per ricostruire la dinamica dell’incidente, ha disposto il trasporto delle salme all’istituto di Medicina legale e ordinato l’autopsia.

Le vittime due ragazzi e una ragazza: si tratta di Giulio Nali, 28 anni, di Occhiobello (Rovigo), Manuel Signorini, 23 anni, di Salara (Rovigo), e Miriam Berselli, 21 anni di Ferrara. I tre lavoravano tutti insieme in un supermercato di Ferrara.