Italia 5 stelle, militanti M5s aggrediscono cronista de “Le Iene”

"E' stato un vero e proprio tentativo di linciaggio", dice Filippo Roma. "La Polizia mi ha salvato. Una cosa mai vista nemmeno durante i momenti più bui"

Carlomagno campagna Jeep Cherokee Novembre 2019

Il sindaco di Roma Raggi durante i momenti di tensione a Napoli (Ansa)
Tensione alle stelle al raduno “Italia 5 stelle” a Napoli dove decine di militanti grillini hanno tentato di aggredire alcuni cronisti che erano in procinto di fare delle domande al sindaco di Roma Virginia Raggi.

“Fatemi parlare un minuto con i cronisti, poi vengo a salutarvi”; ha detto Raggi ma la situazione è precipitata all’arrivo di Filippo Roma, cronista satirico de Le Iene: “Venduto, venduto”, hanno urlato gli attivisti. La sicurezza ha quindi scelto di portare la Raggi nel retropalco per evitare che la situazione peggiorasse.

“E’ stato un vero e proprio tentativo di linciaggio, di manzoniana memoria direi”. Così, all’Adnkronos, l’inviato delle Iene Filippo Roma racconta l’aggressione subita a Napoli, dove si trova tuttora per intervistare la sindaca di Roma Virginia Raggi a Italia 5 Stelle.

Circondato e aggredito da un gruppo di attivisti, allontanati solo grazie all’intervento degli agenti della Digos, spiega: “Appena mi hanno visto sono impazziti. Mi hanno urlato ‘bastardo’, ‘figlio di put…’, ‘venduto’. So bene che gli attivisti e i simpatizzanti del Movimento da sempre mi odiano per le inchieste che ho fatto sui Cinque Stelle, una su tutte quella delle false firme. Dimenticano, però, come tante altre ne abbia fatte su membri del Partito democratico o di Forza Italia e pensano sia un venduto al soldo di Berlusconi”.

Filippo Roma, che con l’operatore sta continuando a girare a Italia 5 stelle nel capoluogo campano, è stato aggredito mentre tentava di intervistare Virginia Raggi sull’emergenza rifiuti. “Il sindaco si stava avvicinando verso il palco circondata dai giornalisti nell’area stand, quindi a ridosso del pubblico – dice – Quando mi hanno visto è scattato il tentativo di linciaggio. Se non fosse intervenuta la polizia a salvarmi, non sarei qui a raccontarla. Ero circondato da 100 persone, chi si faceva sotto con pugni, colpendo anche il cameraman, chi urlava insulti pesanti. E’ stato davvero incredibile, io sto bene, solo un cazzotto mi ha sfiorato. Sapevo di non essere simpatico agli attivisti, ma non immaginavo a tal punto. Avevano gli occhi venati di odio, nella storia politica italiana non c’è mai stato questo atteggiamento, neanche nei momenti più bui”.