Ci sono due sospetti in Questura per l’uccisione di Luca Sacchi

Carlomagno campagna Jeep Cherokee Novembre 2019

Ci sono due sospettati per la morte di Luca Sacchi, il 24enne ucciso mercoledì sera a Roma con un colpo di pistola sparato dopo una colluttazione avuta con una persona che avrebbe scippato lo zainetto alla fidanzata che era con lui. Luca Sacchi è poi morto ieri mattina in ospedale.

I due sono stati condotti in Questura per essere interrogati. Si tratta di due giovani, probabilmente romani. Gli investigatori sostengono che uno di loro sia l’autore materiale dell’omicidio, mentre l’altro che era con lui avrebbe solo partecipato all’aggressione. Dalle prime informazioni riportate dall’Ansa sembrerebbe che non si sia trattato di una normale rapina, ma che dietro ci possa essere dell’altro.

La coppia era uscita da un pub quando, di fronte al locale tra via Bartolini e via Mommsen, c’è stata l’aggressione poi sfociata nel sangue. I due aggressori, secondo alcune testimonianze, si sarebbero dileguati a bordo di una Smart bianca.

Luca Sacchi è stato centrato alla testa da un colpo di pistola. Trasportato d’urgenza all’ospedale San Giovanni di Roma, ieri mattina non ce l’ha fatta.