Crollo viadotto in Liguria, persone in salvo per miracolo. Trovata morta donna dispersa

Carlomagno Faro istituzionale

Crollo viadotto in Liguria, persone in salvo per miracolo“Ero in fase di sorpasso, ho visto una persona che sbracciava e ho pensato avesse qualche malore. Poi mi sono voltato e ho visto tutto nero, il viadotto non c’era più”. E’ la testimonianza, riferita all’Ansa, di Daniele Cassol, vigilante 56enne riuscito a fermarsi a pochi metri dall’orlo del baratro sulla Torino-Savona dopo il viadotto crollato a causa di una frana.

“Dietro di me arrivava anche un pullman con decine di persone, per fortuna siamo riusciti a fermarlo”, racconta. Altri testimoni, invece, raccontano di aver “sentito un botto”. “Abbiamo visto il ponte dell’autostrada che non c’era più – dicono -. Ovviamente abbiamo pensato subito ad un nuovo ponte Morandi”.

Intanto proseguono le verifiche per accertare come sia stato possibile il cedimento dei piloni che hanno fatto collassare il ponte. La frana, si vede dalle immagini, si è staccata dalla montagna probabilmente a causa delle abbondanti piogge di ieri.

“Serve un piano straordinario di manutenzione”, afferma il governatore della Liguria Giovanni Toti, che rinnoverà la richiesta al ministro De Micheli, in un sopralluogo al viadotto crollato, lunedì quando il maltempo dovrebbe finalmente concedere una tregua.

E in Piemonte la donna data per dispersa è stata rinvenuta senza vita. Si tratta di Rosanna Parodi, 52 anni. Il Bormida l’ha travolta a Sezzadio, 1.200 abitanti nella pianura di Alessandria, già colpita duramente dalle precipitazioni di inizio mese. Era ancora buio quando, spaventata dalla pioggia, è scesa dall’auto e si è incamminata verso la casa di riposo Fondazione e Soggiorno Santa Giustina, dove lavorava da 11 anni.