Ospedale dell’orrore, ergastolo per il viceprimario che uccise 12 pazienti

Leonardo Cazzaniga è stato ritenuto colpevole di omicidio volontario di dieci persone in corsia nel nosocomio di Saronno (Varese), e la madre e il suocero di Laura Taroni, l'infermiera sua ex amante


L'arresto di Leonardo Cazzaniga. Nel riquadro con Laura Taroni
L’arresto di Leonardo Cazzaniga. Nel riquadro con l’amante infermiera Laura Taroni

Leonardo Cazzaniga, ex viceprimario del Pronto Soccorso di Saronno (Varese), è stato condannato all’ergastolo per 12 omicidi. Lo ha deciso la Corte d’Assise del Tribunale di Busto Arsizio al termine di sette ore di Camera di Consiglio.

Leonardo Cazzaniga è stato ritenuto colpevole di omicidio volontario nei confronti di 12 persone, dieci pazienti in corsia e madre e suocero di Laura Taroni, l’infermiera sua ex amante. La Corte d’Assise di Busto Arsizio (Varese) lo ha assolto dall’accusa di omicidio della suocera, Maria Rita Clerici, e di due pazienti del Pronto Soccorso di Saronno. Per un terzo decesso era stata la stessa accusa a chiederne l’assoluzione durante la requisitoria finale.

Saronno, le menti diaboliche del “protocollo Cazzaniga”

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb